Europa

La ‘Casa dell’Europa’ reindirizza i fondi per l’emergenza guerra in Ucraina

Il programma “Casa dell’Europa”, finanziato dall’UE, che promuove scambi professionali e creativi tra gli ucraini e le loro controparti nell’UE e nel Regno Unito, ha reindirizzato i finanziamenti per sostenere l’emergenza, raccolto centinaia di opportunità per gli sfollati e si è concentrato sulla creazione di nuovi regimi di sostegno per affrontare le sfide del tempo di guerra.

Prima della guerra, il programma si concentrava su cultura e industrie creative, istruzione, salute, impresa sociale, media e giovani. Adesso “House of Europe” fornisce supporto di emergenza ai suoi beneficiari e alle organizzazioni che lavorano in settori correlati.

Il programma ha sostenuto le persone che hanno rischiato la vita per salvare il patrimonio culturale unico in Ucraina. Venticinque musei delle regioni di Leopoli, Odesa, Kiev, Donetsk, Luhansk, Sumy e Mykolaiv hanno ricevuto 137.184 euro per proteggere le loro collezioni.

Cento membri della Alumni Community del progetto hanno ricevuto 1.000 euro ciascuno. Coloro che sono al sicuro e desiderosi di tornare al lavoro possono spendere il denaro per riprendere le proprie attività. Chi ha perso il lavoro e non solo potrà pagare beni di prima necessità come alloggio, cibo, medicine e carburante.

Il programma ha anche invitato professionisti e organizzazioni che hanno vinto le sovvenzioni e non hanno ancora implementato completamente i loro progetti a spendere quei soldi per il sostegno all’emergenza e contrastare l’aggressione russa. È anche possibile continuare il progetto come pianificato o aggiornarlo.

Inoltre, “House of Europe” sostiene i suoi partner coinvolti nell’evacuazione dei cittadini, nella salvaguardia del patrimonio culturale, nel volontariato e in altre operazioni salvavita in tutta l’Ucraina. Le loro squadre hanno ricevuto 75 set di kit protettivi e medici.

Il progetto raccoglie continuamente diverse opportunità: borse di studio, borse anticrisi, residenze, corsi, alloggi, opportunità, raccolte di libri gratuiti e contatti di psicologi. Tutte le informazioni utili vengono regolarmente pubblicate sulle pagine dei social media del programma, su Facebook e Telegram.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button