Flash

Anche i ricchi risparmiano, trimestrale deludente per Richemont

Il mercato cinese è in ripresa, rialzata la testa dalla pandemia del coronavirus, ma se i bilanci si fanno a livello internazionale anche per i colossi del lusso può andare peggio del previsto. È il caso di Richemont, la holding di Ginevra dell’alta gioielleria e orologeria, che raggruppa marchi da Cartier a Baume & Mercier, Panerai e Montblanc. I conti del trimestre aprile-giugno, sono andati male oltre le attese degli analisti, con vendite in calo del 47% a 1,993 miliardi, a fronte dei 2,13 miliardi previsti. Ciononostante l’attesa e realizzata previsione che la Cina, peraltro già confermata con Swatch e Burberry, abbia tirato sui numeri, con un incremento quasi del 50%. Fatto è che altrove le perdite sono state a due cifre: in Europa -59% a 436 milioni, in Asia-Pacifico -29% a 1,013 miliardi, con un declino di tutti i mercati, tranne appunto la Cina, che ha visto crescite a tre cifre sull’on-line e ha concentrato tutti gli acquisti al dettaglio sul territorio, praticamente azzerandoli all’estero. Le Americhe hanno perso il 61% a 277 milioni, il Giappone il 64% a 112 milioni, coi negozi chiusi per la maggior parte del trimestre in questione. Medio Oriente e Africa il 38% a 155 milioni. Il titolo così a Zurigo ha perso il 4,6% a 61,3 franchi svizzeri, ben distante dai minimi di 49,4 franchi di marzo, ma anche dagli 80,9 di gennaio. Scontata la ragione di questa debacle, “un forte impatto del Covid-19”, con le chiusure temporanee dei canali di distribuzione, ora tutti riaperti, ad eccezione delle Americhe, il sostanziale stop del turismo e in un sentiment cauto dei consumatori in molti mercati. Il retail ha perso il 43% l’ingrosso il 65%, con una maggiore resilienza delle vendite al dettaglio on-line (-22%), scese comunque per le chiusure dei magazzini di distribuzione. Gli stessi distributori di e-commerce hanno registrato per questo e per i prezzi definiti competitivi, un calo del 42%.

Il comparto che ha sofferto meno, come previsto, sono stati i gioielli (-41%), con Cartier a contare per il 40% delle vendite, rispetto agli orologi (-56%) e anche qui la Cina ha avuto il suo ruolo: i preziosi sono cresciuti del 68%, soprattutto nell’e-commerce, un mezzo meno utilizzato per comprare orologi, un comparto, questo, che ha un’esposizione relativamente bassa nel Paese asiatico. C’è d’altra parte tra gli analisti chi sostiene che la gestione dell’on-line non sia il forte di Richemont, che comunque non è certo in crisi di liquidità e mostra la sua solidità con gli 1,8 miliardi di posizione finanziaria netta.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker