Flash

Dalla Namibia all’India per sostenere la difesa del ghepardo

Sempre più febbrile ed efficace l’attività del CCF (Cheetah Conservation Fund) che cerca di mitigare le minacce alla specie (conflitto uomo-fauna selvatica, commercio illegale di animali da compagnia e perdita di habitat) fornendo programmi di educazione ambientale alle persone che vivono accanto al ghepardo. Un impegno che incontra l’attenzione e l’apprezzamento da più parti come dimostra il recente viaggio in India della dott.ssa Laurie Marker, fondatrice del CCF, che ha ricevuto ampia copertura mediatica e commenti pubblici più che positivi suggellati dall’incontro della delegazione del CCF con il primo Ministro indiano che ha scelto di prendere parte alla presentazione in prima persona. Anche il patron internazionale del CCF, Peter Katjavivi, ha fatto sentire la sua presenza con un comunicato stampa sul progetto Cheetah e l’impatto positivo delle politiche di conservazione in Namibia.

Il lavoro di conservazione su vasta scala è basato sulla ricerca scientifica e garantirà un futuro per il ghepardo in natura e la collaborazione e il contributo di tutti noi sono fondamentali.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button