Flash

Più di 13.000 civili uccisi in Nigeria negli ultimi dieci anni

Le forze di sicurezza nigeriane hanno ucciso più di 13.000 civili negli ultimi 10 anni, secondo il Centro per la democrazia e lo sviluppo, organizzazione non governativa che si occupa del progresso della democrazia e dei diritti umani in Africa. La ONG afferma che la tortura, la detenzione illegale e le esecuzioni extragiudiziali nell’ultimo decennio sono diventate “comuni” grazie all’impunità. Le autorità nigeriane fino ad ora non hanno commentato quanto è emerso dal rapporto.

I ricercatori affermano di aver esaminato il percorso democratico della Nigeria negli ultimi due decenni in diversi settori, tra cui i diritti umani, la libertà di stampa e la partecipazione dei cittadini alla governance. Il rapporto critica l’uso della “forza eccessiva” per contrastare i separatisti e le attività “terroristiche”, nonché le manifestazioni pacifiche. Nella ricerca è citata anche la gestione da parte delle autorità delle proteste #EndSARS dello scorso anno contro la brutalità della polizia. Gli eventi, secondo il rapporto, hanno creato un ambiente di paura tra i cittadini nella più grande democrazia africana.

Si sostiene che le forze di sicurezza devono ricevere una maggiore formazione sui diritti umani e i trasgressori devono essere ritenuti responsabili, ai cittadini deve essere consentito di partecipare pienamente alla governance per un corretto sviluppo della società.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button