Politica

Cronache di fine regno: Giuseppi II non vuole abdicare

Le opinioni eretiche di Michele Rallo

Riceviamo e pubblichiamo un articolo di Michele Rallo

Eravamo alla frutta. Dopo siamo arrivati al dolce, e dopo ancora al caffé e all’ammazzacaffé. Dove l’ammazzacaffé é simboleggiato dall’ennesimo e litigioso “vertice di maggioranza”, quello di ieri sera (sabato), ultimo di una lunga serie, dipanatasi – affermano i patiti delle statistiche – a una media di uno ogni quattro giorni di vita dello sfigatissimo governo di Giuseppi II.

Lui, poveretto, è in grande affanno. Sembra che, addirittura, abbia dimenticato di farsi phonare il ciuffo prima dell’ultima comparsata davanti alle telecamere per dire che questa manovra «abbassa le tasse». Oramai Giuseppi ha dato fondo a tutti i diversi “look” del suo repertorio: da quello senza cravatta (sfoggiato quando mostrava di seguire con grande attenzione le cose che dicevano gli operai dell’ex-Ilva) a quella del maglione di cachemir (che faceva tanto “casual” nelle visite ai luoghi di un disastro climatico).

Si vede che il tapino é allo sbando, che fatica sempre piú a “trovare la quadra” fra gli “opposti estremismi” della sua cosiddetta maggioranza: fra le sportellate di Renzi e lo stridor di manette dei grillini; in mezzo c’é uno Zingarello chiaramente inadeguato, che cerca di far dimenticare i disastri della Regione di cui é presidente, primo fra tutti quello dello smaltimento dei rifiuti.

L’ultimo vertice ha rischiato seriamente di sancire la fine della “maggioranza” giuseppina, in un clima di tutti contro tutti, all’arma bianca. Alla fine, la “quadra” si é trovata rateizzando l’imposizione delle nuove tasse: una a luglio, l’altra a ottobre, una terza non so quando.

Dopo di che, é scattata la corsa a farsi belli davanti al pubblico, tutti a dire che avevano vinto loro, tutti a vantare una vittoria ai punti contro i nemici interni della “maggioranza”.

Piú patetico di tutti, come spesso gli accade, il Ciambellano di Corte, ovvero il “gauaglione” ministro degli Esteri, con il suo solito sorrisetto compiaciuto stampato sul faccino (chissá cosa ci troverá di divertente nella situazione di oggi). Il quale guaglione ha proclamato con sussiego che, si, le nuove tasse ci sono, ma sono state imposte solamente alle multinazionali. Discorso da asilo infantile, perché a pagare il conto é sempre l’utente finale. La plastic tax, per esempio, la pagano le industrie di imballaggi, che peró aumentano i prezzi di vendita alle aziende che producono i beni di consumo, che a loro volta aumentano i prezzi di vendita al consumatore, il quale peró non puó rivalersi su nessuno. A pagare, alla fine, é sempre Pantalone.

Stesso discorso vale per le imprese. Proprio mentre Giggino affidava all’etere il suo giacobino compiacimento per l’aumento delle tasse alle multinazionali, l’ufficio-stampa della Fanta (gruppo Coca Cola) comunicava che non si sarebbe piú approvvigionata di arance sul mercato siciliano, stante la prevista incidenza della sugar tax sui suoi bilanci. E da un momento all’altro si attende l’abbandono anche del mercato italiano degli imballaggi in plastica da parte dell’intero gruppo Coca Cola Hbc, per il quale – secondo i primi calcoli – sugar tax e plastic tax insieme rappresenterebbero un aggravio di spesa di circa 180 milioni di euro in nuove tasse. La Sibeg, azienda siciliana che imbottiglia le bibite Coca Cola, ha immediatamente fatto sapere che, in un caso del genere, sarebbe costretta a chiudere i battenti ed a licenziare tutti.

Ma Giuseppi e giuseppini di complemento sembrano non accorgersi di modesti “effetti collaterali” come questo. D’altro canto, che volete che incidano qualche centinaio di lavoratori siciliani che rischiano di perdere il posto? Andranno ad aggiungersi ai 20.000 dell’ex-Ilva e dell’indotto collegato, nel caso di fuga dell’Arcelor-Mittal dall’Italia. E agli 8.000 “esuberi” (quasi tutti in Italia) annunciati dall’Unicredit. Ma anche questi sono bruscolini a fronte del totale di 400.000 (diconsi: quattrocentomila) lavoratori a rischio, da quelli dell’Alcoa sarda a quelli della ex-Pirelli, per tacere di quelli dell’Alitalia, sempre con la spada-di-Damocle delle incombenti riduzioni di personale.

Eppure, Giggino o’Guaglione dovrebbe saperlo perfettamente, giacché sono stati ben 149 i “tavoli di crisi” che ha lasciato aperti al Ministero dello Sviluppo Economico. Ministero da lui occupato nel governo Giuseppi I e precipitosamente abbandonato per insediarsi – lui, esperto diplomatico di chiara fama – al Ministero degli Affari Esteri del Giuseppi II. In tale veste – ricordo – ha dichiarato in quel di Pechino che esiste un preciso discrimine fra il comune uomo politico e lo statista, lasciando intendere che lui – modestia a parte – era certamente da ascriversi alla seconda categoria e non alla prima.

Ma Giggino va compreso. Deve difendersi da Grillo, che chiaramente non vede l’ora di gettarlo a mare. Deve difendersi da “amici” come Di Battista, attento a ogni segnale, appollaiato su un ramo a scrutare gli ultimi sussulti del “capo politico”. Deve difendersi da quella parte del movimento che é sostanzialmente una riverniciatura della sinistra piú estrema (fichi, fichetti e fichidindia). Deve difendersi da una destra interna (Paragone & Co) che guarda con nostalgia all’alleanza con la Lega e lo attende al varco sull’affare del MES. E deve difendersi soprattutto dai parlamentari peones, i quali sanno perfettamente che la gran parte di loro non fará mai ritorno sui banchi di Montecitorio e di Palazzo Madama, falcidiata dal crollo verticale dei consensi ma anche dalla riduzione del numero dei parlamentari, incautamente voluta proprio dal Movimento 5 Stelle.

Grillo é venuto nei giorni scorsi a Roma per “blindare” Di Maio, ma a patto che questi accettasse di non creare ostacoli sulla strada di una collaborazione col PD che assicuri la sopravvivenza del governo. Sembra che l’unica preoccupazione del comico genovese sia quella di assicurare la sopravvivenza della legislatura, almeno fino alle elezioni presidenziali del 2022. Piú o meno, la stessa preoccupazione di Renzi, quasi che entrambi obbediscano ad una comune ispirazione celeste.

Nell’attesa, ogni vertice di maggioranza diventa puntualmente una “notte dei lunghi coltelli”, in un clima da basso impero, con fendenti in tutte la direzioni e con il rischio che qualche colpo, magari involontariamente, vada a scompigliare il paziente lavoro del parrucchiere di Giuseppi II.

Ma i contendenti sanno che sono ammessi tutti i colpi, tranne quelli “proibiti”. E i colpi proibiti sono quelli che potrebbero condurre, anche soltanto per caso, alla fine del regno di Giuseppi II e, con esso, anche a quella della legislatura.

Che si scambino pure coltellate e siringate di veleno, ma l’importante é che non sia messo in pericolo l’obiettivo-principe, lo scopo supremo di questa strana maggioranza minoritaria nel paese: l’elezione di Romano Prodi al Colle piú alto. Accetto scommesse: é lui il predestinato. «Vuolsi cosí colá dove si puote ció che si vuole – diceva padre Dante – e piú non dimandare.»

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker