Denaro

  • Realtà malavitose che preoccupano

    Seguite i soldi e troverete la mafia, è tutto lì!

    Giovanni Falcone

    Era proprio il pomeriggio del 23 maggio di trent’anni fa, quando lo scoppio tremendo e pauroso di una miscela esplosiva di una mezza tonnellata di tritolo, nitrato d’ammonio e T4 ha ucciso il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie e tre uomini della sua scorta. Un’attentato da tempo ideato, programmato e finalmente attuato alle 17.56 del 23 maggio 1992, da Cosa Nostra.  Il 23 maggio 2022, al Foro italico di Palermo, la Fondazione Giovanni Falcone ha organizzato una cerimonia di commemorazione di quella barbara uccisione, intitolata “La memoria di tutti, Palermo trent’anni dopo”. In quella cerimonia il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha detto: “Sono trascorsi trent’anni da quel terribile 23 maggio allorché la storia della nostra Repubblica sembrò fermarsi come annientata dal dolore e dalla paura”. Poi ha aggiunto che “…Falcone era un grande magistrato e un uomo con forte senso delle istituzioni. Non ebbe mai la tentazione di distruggere le due identità perché aveva ben chiaro che la funzione del magistrato rappresenta una delle maggiori espressioni della nostra democrazia”. Il Presidente Mattarella ha in seguito ribadito che Giovanni Falcone, come magistrato, “…fu il primo ad intuire e a credere nel coordinamento investigativo, sia nazionale sia internazionale, quale strumento per far emergere i traffici illeciti che sostenevano economicamente la mafia”.

    Il Presidente, durante il suo intervento, si è riferito anche a quanto sta accadendo in Ucraina in questi 89 giorni di sanguinosa, crudele e orribile guerra. Perché, secondo lui, “la giustizia è dunque la linea costante”. Poi ha sottolineato che in Ucraina si subiscono “…quegli stessi orrori di cui l’Italia conserva ancora il ricordo e che mai avremmo immaginato che si ripresentassero nel nostro Continente”. Il Presidente Mattarella è convinto che “…Ancora una volta sono in gioco valori fondanti della nostra convivenza”. E che ancora una volta “la violenza della prevaricazione pretende, nella nostra Europa, di sostituirsi alla forza del diritto”. Per il presidente “…il ripristino degli ordinamenti internazionali, anche in questo caso, è fare giustizia. Porre cioè la vita e la dignità delle persone al centro dell’azione della comunità internazionale”. Anche perché “…raccogliere il testimone della ‘visione’ di Falcone significa affrontare con la stessa lucidità le prove dell’oggi, perché a prevalere sia ovunque, in ogni dimensione, la causa della giustizia: al servizio della libertà e della democrazia”. Cosi ha concluso il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il suo discorso al Foro italico Umberto I di Palermo, nell’ambito della commemorazione del trentesimo anniversario della barbara uccisione di Giovanni Falcone, di sua moglie e dei tre uomini della sua scorta.

    Soltanto 57 giorni dopo quel barbaro ed orrendo attentato a Giovanni Falcone Cosa Nostra ne attuò un altro simile. Erano le 17.15 di pomeriggio del 19 luglio 1992. Questa volta il bersaglio era uno dei più cari e stretti amici e collaboratori di Falcone, un magistrato come lui, Paolo Borsellino. Il tragico evento è ormai noto come l’attentato di via D’Amelio a Palermo. Sempre un attentato dinamitardo, che tolse la vita, oltre a Borsellino, anche a cinque uomini della sua scorta. Loro due, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, con la loro devozione professionale, con la loro determinazione, con il loro operato stavano sconvolgendo e scombussolando i tanti e diversi interessi della mafia siciliana, ma non solo. Le loro inchieste diedero inizio ad un nuovo ed efficace svolgimento della lotta contro la criminalità organizzata, non solo in Italia. Con le loro inchieste e il loro continuo e determinato lavoro quotidiano, essi cominciarono a svelare le allora esistenti relazioni tra la Cosa Nostra e alcuni massimi rappresentanti del potere politico, sia locale che centrale. In più cominciarono ad indagare anche sui grossi trasferimenti finanziari, verso banche di altri Paesi, di denaro proveniente dalle attività malavitose. In una lettera che Giovanni Falcone indirizzava ad un suo collega ed amico ticinese, scriveva: “Caro Paolo, dopo i soldi della mafia arriveranno in Svizzera anche i mafiosi”. Una collaborazione lavorativa e di amicizia quella tra valorosi colleghi, che continuava da anni. Parte di quella collaborazione professionale era anche la ben nota e fruttuosa indagine, denominata “Pizza connection”, sui traffici dei stupefacenti tra l’Italia e gli Stati Uniti d’America. Nonostante gli attentati mafiosi tolsero prematuramente la vita ai due coraggiosi e valorosi magistrati, che avevano messo in grosse difficoltà i vertici di Cosa Nostra, la loro opera continua con successo. I cittadini, milioni di cittadini e non solo in Italia, ricordano e ricorderanno con rispetto Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, così come anche tanti altri loro colleghi e collaboratori che hanno perso la vita in altri attentati mafiosi.

    La criminalità organizzata, nelle sue varie forme di organizzazione malavitosa, non è attiva solo in Italia. Lo avevano previsto e fortemente ribadito, più di trent’anni fa ormai, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Ma anche altri loro collaboratori. Una realtà questa che si sta ormai verificando e sta venendo denunciata da altri determinati, devoti e valorosi procuratori e magistrati, sia in Italia che in altri Paesi. E si tratta non solo delle tradizionali organizzazioni malavitose italiane ma anche di altre organizzazioni della criminalità organizzata, operanti in diversi Paesi. Organizzazioni che tentano e fanno di tutto per procurare sempre più spazio di operatività, compresa anche quella degli investimenti miliardari, una volta riciclato e diventato “pulito” il denaro sporco, proveniente da varie attività criminali. Organizzazioni che tentano e non di rado ci riescono, a coinvolgere anche rappresentanti del potere politico. Come avevano capito e denunciato, più di tren’anni fa, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino ed altri loro colleghi.

    Una simile realtà si sta verificando, con tutta la sua drammaticità e con tutte le sue preoccupanti conseguenze, anche in Albania. Da alcuni anni ormai e purtroppo, fatti accaduti e che tuttora stanno accadendo, fatti facilmente verificabili, documentati ed ufficialmente denunciati alla mano, si sta consolidando una paurosa ed allarmante connivenza tra alcuni dei massimi dirigenti del potere politico e la criminalità organizzata. Una connivenza quella che è anche alla base di una nuova e sui generis dittatura ormai restaurata e che si sta consolidando in Albania. Una dittatura pericolosa, perché cerca di camuffarsi dietro una parvenza di pluripartitismo di facciata, coinvolgendo alcune “ubbidienti stampelle”, come il capo del partito democratico albanese, il maggiore partito dell’opposizione, dimissionario ormai dal marzo scorso. Da anni l’autore di queste righe ha cercato di informare il nostro lettore su questa preoccupante realtà, con la necessaria e dovuta oggettività. Così come ha informato da anni il nostro lettore anche sulla crescente attività, su tutto il territorio nazionale, sia della criminalità organizzata locale, sia della sua collaborazione con alcune delle più pericolose organizzazioni malavitose italiane, ‘Ndrangheta compresa. L’autore di queste righe ha informato, altresì, il nostro lettore anche delle ingenti somme di denaro, di miliardi che da alcuni anni si stanno riciclando in Albania. Denaro sporco proveniente dalla ormai ben radicata e diffusa corruzione, dall’abuso di potere, ma anche dalle attività criminali, sia in Albania che in altri Paesi, Italia compresa. Denaro sporco in possesso non solo della criminalità organizzata locale e di molti politici corrotti, partendo dai più alti livelli istituzionali e/o di rappresentanza in Albania. Ma anche denaro sporco in possesso delle organizzazioni criminali di altri Paesi, Italia compresa (Abusi e corruzione anche in tempi di pandemia, 4 maggio 2020; Realtà nascoste con inganno da falsari di parola, 19 ottobre 2020 ecc..).

    Una simile, grave, pericolosa e preoccupante realtà è stata evidenziata da anni ormai anche da due note organizzazioni specializzate internazionali. Una è la FATF (Financial Action Task Force on Money Laundering, nota anche come il Gruppo di Azione Finanziaria (GAFI); n.d.a.). Questo Gruppo d’Azione Finanziaria è stato costituito a Parigi nel 1989, durante il vertice dei capi di Stato e di governo dei sette paesi più industrializzati del mondo, noto anche come il vertice del G7. Il Gruppo rappresenta un organo intergovernativo ed ha come compito anche il coordinamento e l’armonizzazione degli ordinamenti legali di vari Paesi, allo scopo di permettere ed attuare una coordinata operazione di contrasto contro la criminalità organizzata. L’altra organizzazione internazionale specializzata è MONEYVAL (nome comunemente riconosciuto al Committee of Experts on the Evaluation of Anti-Money Laundering Measures and the Financing of Terrorism – Comitato d’Esperti per la Valutazione delle Misure contro il Riciclaggio di Denaro e il Finanziamento del Terrorismo; è una struttura di monitoraggio del Consiglio d’Europa; n.d.a.). Il compito di questa struttura è quello di valutare la conformità dei principali standard internazionali per contrastare il riciclaggio del denaro sporco ed il finanziamento del terrorismo. Un altro suo compito è quello di fare delle raccomandazioni alle autorità nazionali per migliorare il loro sistema legale a fare fronte a simili obiettivi.

    Ebbene, dal 2018 ad oggi, tutti i rapporti annuali di MONEYVAL sono molto critici con l’Albania per quanto riguarda il riciclaggio del denaro sporco. L’autore di queste righe ha informato, a tempo debito, il nostro lettore di una simile e preoccupante situazione. Riferendosi al Rapporto ufficiale per il 2018 di MONEYVAL, nel capitolo sull’Albania si evidenziava che “…la corruzione rappresenta grandi pericoli per il riciclaggio del denaro [sporco] in Albania”. In più il Rapporto, riferendosi all’altolocata corruzione, specificava che essendo “…legata spesso alle attività della criminalità organizzata, genera ingenti quantità di introiti criminali”. Lo stesso Rapporto di MONEYVAL per il 2018, riferendosi alla [mancata] responsabilità delle autorità, specificava che “…l’attuazione della legge, ad oggi, ha avuto una limitata attenzione per combattere la corruzione legata al riciclaggio del denaro [sporco]…”! Una situazione quella albanese che, invece di essere stata presa seriamente in considerazione dalle autorità, è stata ulteriormente peggiorata. Lo mette ben in evidenza il seguente Rapporto ufficiale del MONEYVAL per il 2019. L’Albania è stata addirittura declassata e messa nella cosiddetta “zona grigia”. Il che significava che l’Albania doveva rimanere “sorvegliata e sotto un allargato monitoraggio”. Secondo quanto previsto dalle normative che regolano il funzionamento di MONEYVAL, si stabilisce che “…gli Stati si possono mettere sotto sorveglianza allargata nel caso in cui si identificano delle serie incompatibilità con gli standard…”.  E si fa riferimento agli standard delle istituzioni dell’Unione europea! I paesi di quella “zona grigia” sono continuamente monitorati da parte di FATF e di MONEYVAL. L’autore di queste righe in quel periodo, riferendosi alle conclusioni dei due sopracitati rapporti e alla vera, vissuta e sofferta realtà albanese, scriveva che “…Cercare di corrompere tutti, tutti che si prestano alla tentazione della corruzione e ai profitti che ne derivano, nonostante nazionalità, madre lingue e cittadinanza, fa parte della strategia di gestione della cosa pubblica, quella realmente attuata in Albania” (Abusi e corruzione anche in tempi di pandemia; 4 maggio 2020). L’Albania, anche secondo l’ultimo Rapporto ufficiale del MONEYVAL per il 2021 e pubblicato nel marzo scorso, dopo le apposite verifiche fatte dal FATF, continua ad essere nella sopracitata “zona grigia”!

    Chi scrive queste righe avrebbe avuto bisogno di continuare ad informare il nostro lettore sul riciclaggio pericolosamente in aumento del denaro sporco in Albania, nonché della connivenza dei massimi rappresentanti del potere politico con la criminalità organizzata, sia quella locale che internazionale, ‘Ndrangheta compresa. Ma lo spazio non glielo permette. Egli è però convinto che si tratta di realtà malavitose che dovrebbero preoccupare molto. E non solo in Albania. Diventa perciò importante il consiglio di Giovanni Falcone “Seguite i soldi e troverete la mafia, è tutto lì!”.

  • Il nuovo gregge digitale

    Mentre il nostro Paese è ancora all’interno del peggiore periodo dal dopoguerra, nulla cambia nella strategia governativa finalizzata alla dominazione orwelliana dello stato sul singolo cittadino, anche se quest’ultimo sia ancora  vittima degli effetti di una terribile pandemia le cui terribili conseguenze sociali ed economiche si sommano a quelle di una nuova  guerra continentale.
    Esattamente come le pecore, che credono di essere considerate una forma di evoluzione darwiniana ma solo al momento della tosatura si rendono conto di valere solamente in funzione della quantità di vello prodotto, diventando quasi consapevoli di rappresentare soltanto il punto di inizio di una complessa  filiera produttiva, così il popolo italiano, che non solo ha già subito in trent’anni, per esclusiva responsabilità della sua classe politica e dirigente, la perdita del -3,4% del proprio potere di acquisto rispetto alla crescita di quello tedesco (+34,7%) e francese (oltre +24%), si illude ora di avere ottenuto un servizio aggiuntivo utilizzando la moneta digitale sostenuta da istituti di credito e Stato.
    Al momento della “propria tosatura digitale” non solo cede una porzione della propria libertà a soggetti terzi pubblici ma anche a privati i quali, di fatto, profilano la vita dell’utilizzatore della moneta digitale. In più lo stesso consumatore diventa, esattamente come una pecora, l’inizio di una filiera impropria finalizzata alla semplice creazione di ricchezza senza causa (termine fiscale) basata solo ed esclusivamente sulla applicazione impropria del principio di un signoraggio digitale.

    Ora più che mai il popolo italiano rappresenta solo ed esclusivamente un gregge digitale da tosare violandone la privacy e sottraendogli una porzione della propria libertà in nome di un progresso digitale e di una illusoria equità fiscale.
    Questa “evoluzione della moneta digitale” sempre più assume i connotati delle servitù di passaggio riscosse non solo in decime (percentuale sull’ammontare del raccolto ed ora sulla transazione economica digitale prelevata dal sistema bancario) ma anche in cessione coatta di informazioni personali a soggetti terzi per i quali rappresentano una forma di nuova ricchezza negoziabile con istituzioni ed operatori interessati ai profili personali.
    Mai come ora la società digitale assume sempre più le caratteristiche di un nuovo medio evo in cui il popolo italiano rappresenta il nuovo gregge digitale destinato alla tosatura.

    N.B. https://www.money.it/pagamenti-carta-bancomat-tutti-dati-inviati-agenzia-entrate-piano-governo

  • Verso una valuta russo-cinese

    Riceviamo un articolo di Mario Lettieri e Paolo Raimondi pubblicato su ItaliaOggi l’8 aprile 2022.

    Può sorprendere quei politici che credono che gli eventi importanti accadano all’improvviso, senza la necessaria e lunga preparazione. La possibile apparizione di una nuova moneta internazionale alternativa al dollaro non è una sorpresa.

    A metà marzo si è tenuto in Armenia l’incontro “Nuova fase della cooperazione monetaria, finanziaria ed economica tra l’Unione economica euroasiatica (Uee) e la Repubblica popolare cinese”, organizzato dalla Commissione economica euroasiatica e dall’Università Renmin di Pechino per definire i contorni di un nuovo sistema monetario e finanziario internazionale, almeno per quanto riguarda la parte orientale del mondo.

    L’Uee è l’unione economica e commerciale cui partecipano la Russia, la Bielorussia, il Kazakistan, la Kirghisia e l’Armenia con un Pil di circa 1.700 miliardi di dollari. Essa è molto proiettata verso una stretta collaborazione con la Belt and Road Initiative, la nuova Via della seta voluta dalla Cina. Già nel 2020 la Cina aveva aumentato di circa il 20% il suo turnover commerciale con l’Uee, mentre l’utilizzo delle monete nazionali rappresentava solo il15% dell’interscambio totale.

    Sul tavolo vi è la creazione di una “nuova moneta” basata su un paniere di valute, tra cui il rublo e lo yuan, ancorata anche al valore di alcune materie prime strategiche, incluso l’oro.

    Pensare che sia solo la reazione disperata alla recente imposizione di super sanzioni nei confronti della Russia, sarebbe una valutazione fuorviante. Si tratta, invece, di un progetto in campo da molti, molti anni, sia in Russia sia in Cina.

    Il progetto fu reso pubblico già nell’ottobre del 2020 dall’economista russo Sergei Glazyev, membro del consiglio e ministro incaricato dell’Integrazione e della Macroeconomia della Commissione economica euroasiatica. Egli aveva sollecitato a creare nuovi strumenti nazionali di pagamento per accantonare l’utilizzo di “valute di Paesi terzi”, intendendo ovviamente soprattutto il dollaro e l’euro, nelle transazioni commerciali e monetarie tra i membri dell’Unione euroasiatica e la Cina.

    Glazyev affermava che l’idea era la risposta «alle sfide e ai rischi comuni associati al rallentamento economico globale e alle misure restrittive contro gli Stati dell’Uee e la Cina». Si trattava di un piano per superare il sistema unipolare del dollaro, già in atto dopo le sanzioni imposte alla Russia a seguito dell’annessione della Crimea nel 2014. L’economista russo sosteneva che l’infrastruttura finanziaria e di pagamento era già stata creata ed era necessario sviluppare un sistema d’incentivi per favorirne l’utilizzo nelle relazioni commerciali ed economiche.

    Il ministro della Commissione economica euroasiatica proponeva: 1) sviluppare dei meccanismi per stabilizzare i tassi di cambio delle valute nazionali dei Paesi membri, riducendo le commissioni bancarie e gli interessi sui prestiti; 2) creare dei meccanismi per determinare i prezzi delle merci nelle valute nazionali nell’ambito degli accordi tra l’Uee e la Belt and Road Initiative, coinvolgendo in seguito anche altri Paesi, eventualmente quelli della Shanghai Cooperation Organization (Sco) e quelli dell’Asean.

    Naturalmente in tale processo s’inserisce anche la recente richiesta di Putin di esigere il pagamento in rubli delle forniture del gas, i cui contorni sono ancora da chiarire.

    Riconoscendo l’incapacità del dollaro di sostenere l’intero sistema monetario e finanziario globale, già prima della grande crisi finanziaria del 2008 avevamo proposto l’idea di creare, in modo lungimirante e concordato, un nuovo sistema internazionale basato su un paniere di monete importanti, tra cui il dollaro, l’euro, lo yuan e il rublo. In un mondo erroneamente creduto unipolare, purtroppo, non se n’è fatto niente. Il sistema del dollaro, e gli interessi geoeconomici a esso connessi, non l’hanno permesso.

    La recente proposta russo-cinese di creare una loro nuova moneta basata su un paniere di valute e di materie prime è un dato di fatto da analizzare. Possiamo solo affermare che, in questo modo separato, purtroppo non potrà che approfondire la divisione tra Est e Ovest e aggravare ulteriormente la pericolosa situazione attuale.

    *già sottosegretario all’Economia **economista

  • La Commissione adotta un quadro temporaneo di crisi per sostenere l’economia nel contesto dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia

    Il 23 marzo la Commissione europea ha adottato un quadro temporaneo di crisi per consentire agli Stati membri di avvalersi pienamente della flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato al fine di sostenere l’economia nel contesto dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

    Il quadro temporaneo di crisi per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nel contesto dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, fondato sull’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE), constata che tutta l’economia dell’UE sta subendo un grave turbamento. Per porre rimedio a questa situazione, il quadro temporaneo prevede tre tipi di aiuti:

    Aiuti di importo limitato: gli Stati membri potranno introdurre regimi per concedere fino a 35 000 € per le imprese colpite dalla crisi che operano nel settore agricolo, della pesca e dell’acquacoltura e fino a 400 000 € per le imprese colpite dalla crisi che operano negli altri settori. Non è necessario che tale aiuto sia collegato a un aumento dei prezzi dell’energia, in quanto la crisi e le misure restrittive nei confronti della Russia colpiscono l’economia in vari modi, ad esempio provocando una perturbazione delle catene di approvvigionamento fisiche. Tale sostegno può essere concesso in qualsiasi forma, comprese le sovvenzioni dirette.

    Sostegno alla liquidità sotto forma di garanzie statali e prestiti agevolati: gli Stati membri potranno fornire i) garanzie statali agevolate per permettere alle banche di continuare a erogare prestiti a tutte le imprese colpite dalla crisi; e ii) prestiti pubblici e privati a tassi di interesse agevolati.

    Gli Stati membri possono concedere garanzie statali o istituire regimi di garanzia a sostegno dei prestiti bancari contratti dalle imprese. Tali garanzie e regimi beneficeranno di premi agevolati caratterizzati da una riduzione rispetto al tasso di mercato stimato per i premi annuali applicati ai nuovi prestiti per le piccole e medie imprese (PMI) e per le altre imprese.

    Gli Stati membri possono autorizzare prestiti pubblici e privati alle imprese con tassi d’interesse agevolati. Tali prestiti devono essere concessi a un tasso d’interesse che sia almeno pari al tasso di base privo di rischio maggiorato dei premi specifici per il rischio di credito applicabili alle PMI e alle altre imprese.

    Per entrambi i tipi di sostegno sono previsti limiti all’importo massimo dei prestiti, che dipendono dalle esigenze operative delle imprese, determinate sulla base del fatturato, dei costi energetici e del fabbisogno di liquidità. I prestiti possono riguardare sia il fabbisogno relativo agli investimenti che quello relativo al capitale di esercizio.

    Aiuti destinati a compensare i prezzi elevati dell’energia: Gli Stati membri potranno compensare parzialmente le imprese, in particolare gli utenti a forte consumo di energia, per i costi aggiuntivi dovuti ad aumenti eccezionali dei prezzi del gas e dell’elettricità. Tale sostegno può essere concesso in qualsiasi forma, comprese le sovvenzioni dirette. L’aiuto complessivo per beneficiario non può superare il 30 % dei costi ammissibili, fino a un massimo di 2 milioni di € in un dato momento. Quando l’impresa subisce perdite di esercizio, possono essere necessari ulteriori aiuti per garantire il proseguimento di un’attività economica. A tal fine gli Stati membri possono concedere aiuti superiori a tali massimali, fino a 25 milioni di € per gli utenti a forte consumo di energia e fino a 50 milioni di € per le imprese attive in settori specifici, quali la produzione di alluminio e di altri metalli, fibre di vetro, pasta di legno, fertilizzanti o idrogeno e molti prodotti chimici di base.

    Il quadro temporaneo di crisi contribuirà a orientare il sostegno all’economia, limitando al contempo l’impatto negativo sulle condizioni di parità nel mercato unico.

    Il quadro prevede pertanto una serie di garanzie:

    metodologia proporzionale: dovrebbe esistere un nesso tra l’importo dell’aiuto che può essere concesso alle imprese e la portata della loro attività economica e dell’esposizione agli effetti economici della crisi, che tenga conto del fatturato e dei costi energetici che devono sostenere;

    condizioni di ammissibilità: la definizione di utenti a forte consumo di energia figura all’articolo 17, paragrafo 1, lettera a), della direttiva sulla tassazione dell’energia, che fa riferimento alle imprese per le quali l’acquisto dei prodotti energetici è pari ad almeno il 3 % del loro valore produttivo;

    requisiti di sostenibilità: quando concedono aiuti per ovviare ai costi aggiuntivi sostenuti a causa dei prezzi eccezionalmente elevati del gas e dell’energia elettrica, gli Stati membri sono invitati a considerare, in modo non discriminatorio, la fissazione di requisiti relativi alla protezione dell’ambiente o alla sicurezza dell’approvvigionamento. Gli aiuti dovrebbero pertanto aiutare le imprese ad affrontare la crisi attuale, ponendo nel contempo le basi per una ripresa sostenibile.

    Il quadro temporaneo di crisi sarà operativo fino al 31 dicembre 2022. Al fine di garantire la certezza del diritto, la Commissione valuterà prima di tale data se il quadro debba essere prorogato. Inoltre durante il periodo di applicazione la Commissione valuterà il contenuto e la portata del quadro alla luce degli sviluppi sui mercati dell’energia, sugli altri mercati dei fattori di produzione e della situazione economica generale.

    Fonte: Commissione europea

  • Gli strumenti ideologici: il contante

    Il depotenziamento, nel millennio attuale, degli storici modelli ideologici e politici e al tempo stesso la sostanziale sconfitta della imposizione di sistemi massimalisti (crollo del Muro di Berlino) ha trasferito una nuova vis ideologica e di propaganda verso nuovi “strumenti ideologici” finalizzati sempre al raggiungimento dei medesimi obiettivi politici anche se già sconfitti dalla storia del 900.

    In altre parole, si cerca di conseguire gli obiettivi non raggiunti nel secolo scorso attraverso l’utilizzo di “strumenti ideologici” finalizzati alla realizzazione di quel modello di Stato e delle sue prerogative.

    Uno dei più ridicoli strumenti utilizzati a tal fine è quello della lotta al contante che vede in prima linea partiti ed economisti supportati ovviamente dal sistema bancario. L’adozione di questa strategia adottata dai partiti viene indicata addirittura come un elemento qualificante dello stesso posizionamento valoriale dei sostenitori quando invece ne conferma il semplice scollegamento dalla conoscenza elementare del fenomeno della evasione fiscale.

    E’ di queste ore la transazione che il gruppo Exor ha firmato con l’Agenzia delle Entrate nel quale il gruppo ex-torinese si impegna al pagamento di 949 milioni di euro a causa della contestazione della esterovestizione fiscale del gruppo*. Una cifra che, già da sola, rappresenta quasi il 10% di quei 10 miliardi che il governo ha intenzione di recuperare dall’evasione fiscale come risorse necessarie a contenere l’impatto devastante della escalation dei costi energetici per le imprese e le famiglie.

    Contemporaneamente la scellerata strategia economica adottata tanto del Governo Conte 2 quanto da quello in carica caratterizzata dal riconoscimento di bonus fiscali ad un settore prevalente (edilizia) si sta dimostrando come la più grande truffa coniata dai vertici governativi (ministro Gualtieri e Presidente Conte) e dalle decine di consulenti e dirigenti della burocrazia ai danni dello stesso Stato. Dalle indagini della Guardia di Finanza solo fino ad ora i termini della truffa hanno raggiunto i 4,5 miliardi di euro. Con i soli due episodi di accertamento si sarebbero già raggiunti i 5 miliardi e 449 milioni che rappresentano il 54% di quell’obiettivo finanziario indicato dal governo Draghi.

    In questo contesto emerge evidente come il problema dell’evasione fiscale sia completamente svincolato dalla problematica di un tetto ai contanti la cui stessa limitazione è stata già due volte contestata dalla Bce**.

    Lo stesso istituto europeo ricordava come lo Stato debba essere terzo rispetto alle forme di pagamento e non privilegiare la moneta elettronica con una fiscalità di vantaggio (cash back e lotteria degli scontrini).

    In questo contesto, quindi, si diceva come la somma della transazione pagata da Exor unita al parziale risultato delle indagini relativa alla truffa dei bonus fiscali arrivi appunto a 5 miliardi e 449 milioni di euro, pari ad oltre 4 miliardi e 500 milioni di caffè privi dell’emissione dello scontrino contemporaneamente da tutti i bar d’Italia per oltre 488 giorni oppure a circa 82 milioni e 560 mila capi venduti sempre senza l’emissione di alcuno scontrino fiscale.

    La lotta al contante si dimostra così, ancora una volta, un risibile strumento ideologico in mano a chi non possiede le capacità minime per comprendere le dinamiche dell’evasione fiscale né per altro intende apprenderle.

    Sicuri di una ritrovata vis ideologia la quale, invece, da sempre copre come una calda coperta gli imbarazzanti limiti intellettuali dei propri sostenitori.

    * la cifra per la chiusura del contenzioso generalmente rappresenta circa un 20/30% della somma contestata

    ** la stessa Bce pensa di superare i differenti limiti nell’utilizzo del contante tra gli Stati membri adottando la soglia per tutti di diecimila (10.000) euro

  • L’inflazione non è transitoria

    Riceviamo e pubblichiamo un articolo di Mario Lettieri e Paolo Raimondi pubblicato si ItaliaOggi il 4 febbraio 2022

    La politica dei soldi facili ha drogato la finanza e l’economia, facendo aumentare i debiti e la propensione per maggiori rischi, e ha determinato la crescita dell’inflazione.

    Dopo molto tempo anche la Federal Reserve ha ammesso di aver sottovalutato l’impennata inflazionistica, che è più ampia e persistente delle previsioni. Ora, per tutte le grandi economie, la sfida è come correggere le azioni dettate dall’inflazione che troppo a lungo è stata interpretata come transitoria.

    Le banche centrali da anni, in merito all’inflazione, si basano su tre principi molto soggettivi e poco scientifici. Il primo è il target arbitrario del 2% annuo. Il secondo riguarda le aspettative di inflazione. I banchieri affermano che sono le aspettative a muovere l’inflazione e che le banche centrali guidano le aspettative. Perciò tutto, secondo loro, sarebbe sotto controllo. Il terzo è il cosiddetto forward guidance, una guida anticipata attraverso, per esempio, il controllo della curva dei rendimenti dei titoli pubblici.

    Con la Grande Crisi Finanziaria prima, e con la pandemia poi, le banche centrali bene hanno fatto ad aprire i rubinetti della liquidità con salvataggi immediati e necessari per il sistema. A lungo andare, però, i rischi di inflazione sono inevitabili. Infatti, già la scorsa estate, sarebbe stato opportuno riconoscere che i fattori cosiddetti transitori erano accompagnati da problemi strutturali. Non si può giustificare tutto con gli effetti della pandemia.

    Oltre le irrisolte speculazioni sulle commodities, le aziende, in verità, descrivevano la natura persistente delle interruzioni nelle loro catene di approvvigionamento e la mancanza di manodopera specializzata.

    Gli imprenditori, a differenza di molti economisti accademici, affermavano che questi problemi non sarebbero stati risolti in tempi brevi. Le banche centrali certamente non hanno tutti gli strumenti per sbloccare le catene di approvvigionamento e il reperimento della forza lavoro. Ma rimanere nella “mentalità inflazionistica transitoria”, rischia di mettere in moto quelle aspettative con tassi di inflazione non facilmente tollerabili dall’economia.

    Anche i crescenti risparmi dei mesi passati, erosi da un’inflazione del 6% o più, potrebbero essere spinti con forza verso l’acquisto di beni, ma troppo velocemente per trasformarsi in nuovi investimenti e in maggiori produzioni, alimentando così la stessa inflazione.

    Non si può aspettare. Si rischia una più marcata recessione. È un modello conosciuto: dentro la trappola della curva dell’inflazione c’è il rischio di inasprire la politica monetaria in modo brusco, colpendo duramente la domanda e l’occupazione e mettendo fuori gioco le imprese già in difficoltà. Per i mercati si prospetterebbero situazioni d’illiquidità destabilizzante.

    In verità, già a novembre, il governatore della Fed, Jerome Powell, ha fatto un improvviso cambiamento di politica monetaria, annunciando una riduzione degli acquisti mensili di attività, quello che si chiama in gergo il «tapering» del quantitative easing.

    Da parte sua, la Banca centrale europea ha ancora una posizione attendista, credendo fermamente nella «transitorietà» dell’inflazione, che alla fine dovrebbe ritornare al fatidico 2%.

    Se le pressioni inflazionistiche dovessero, però, diventare generalizzate, non si può escludere una qualche frenata disordinata nella politica monetaria.

    In questa situazione, secondo noi, le principali banche centrali dovrebbero comunicare con puntualità le proprie azioni politiche in modo da non innescare confusione o una overreaction dei mercati. A differenza del positivo sincronismo pre pandemico, l’attuale disallineamento tra la Fed e la Bce non è di buon auspicio.

    D’altra parte, se l’inflazione diventasse più alta rispetto alle previsioni, si ridurrebbero anche i redditi reali, innescando un inevitabile scontro sociale, in particolare sui salari e le pensioni.

    Indubbiamente, non vi sono facili soluzioni. Però, se nei passati 15 anni le banche centrali sono state super interventiste, non possono adesso diventare troppo attendiste. In questa situazione sono i governi e i parlamenti a dover entrare in gioco con decisione e definire le priorità degli interventi. Sono chiamati a favorire attivamente l’economia reale, le imprese produttive, l’occupazione e i redditi dei cittadini e svincolarsi dalla “presa” prolungata e soffocante della grande finanza.

    *già sottosegretario all’Economia **economista

  • Le due diverse genesi inflattive

    L’inflazione trae le proprie peculiari caratteristiche e determina diversi effetti in rapporto alle ragioni della sua genesi. Gli stessi rimedi con cui la politica monetaria cerca, spesso con ritardo, di attenuarne le problematiche per l’economia reale risultano diversi a fronte di un’inflazione di natura endogena, cioè causata da fattori economici interni al proprio mercato, oppure esogena, quindi determinata da problematiche esterne al controllo della stessa politica monetaria delle banche centrali.

    Gli Stati Uniti hanno già da tempo adottao, in termini di strategia monetaria, il “tapering “progressivo, ovvero la diminuzione dell’acquisto dei titoli del debito pubblico Usa e successivamente avviato una graduale crescita dei tassi di interesse per frenare la spirale inflattiva arrivata al + 7%.

    L’economia statunitense ha dimostrato nel 2021 un tassi di crescita del +5,7% (+6,9 % nell’ultimo trimestre) e contemporaneamente ha già raggiunto da tempo la piena occupazione con un tasso di disoccupazione al 3,8%. Come logica conseguenza le retribuzioni stanno crescendo (+8,7% nel penultimo trimestre) quindi tutti questi dati inducono la Fed a confermare ed inasprire una politica monetaria restrittiva anche a causa dei consumi in salita del +12% e con l’indice dei prezzi al +6%.

    E’ evidente come l’origine dell’inflazione made in Usa risulti prevalentemente endogena anche perché la più grande potenza mondiale guidata dal Presidente Joe Biden rimane l’unica dell’emisfero occidentale ad avere raggiunto l’indipendenza energetica, è quindi al riparo dall’esplosione dei prezzi delle fonti energetiche ed in grado addirittura di esportare nello specifico momento notevoli quantità di shale gas verso l’Europa stretta viceversa nella morsa energetica.

    Al di qua dell’Atlantico la complessa situazioni dell’Unione Europea presenta un medesimo fenomeno inflattivo ma con delle origini decisamente differenti. In Europa, ed in particolare in Italia, è stata scelta una politica “energetica” basata sulla assoluta e piena dipendenza da fonti energetiche estere, rendendo quindi il nostro Paese soggetto a dinamiche internazionali economiche ma anche politiche fuori da un nostro possibile controllo.

    In più si è progressivamente quasi azzerata l’attività estrattiva del gas (solo nel 2021, e quindi già in piena crisi energetica, è diminuita del 18%) arrivando nel 2021 con soli tre (3) milioni di mq prelevati, quando nel 1991 avevamo raggiunto i ventuno (21) milioni, e lasciando ogni riserva della sempre più preziosa materia prima ad esclusivo approvvigionamento della Croazia.

    Il governo Draghi, con un “solo” anno di ritardo dall’inizio dell’escalation energetica, ha finalmente deciso di raddoppiare le estrazioni i cui benefici si otterranno, va ricordato, nel breve” termine di 12/18 mesi, dimostrando, ancora una volta, come una maggiore tempestività avrebbe se non risolto certamente ridotto l’impatto devastante di questa vera pandemia energetica.

    In questo contesto la spirale inflattiva europea arriva ad un livello del +5,1% mentre quella italiana si “fermerebbe” ad un +4,8% ma nel caso europeo ed italiano in particolare la genesi va ricercata tra le fonti esterne.

    A differenza del modello economico statunitense in Europa la disoccupazione registra un 7,1% (3,8% negli Usa si ricorda) mentre in Italia raggiunge il 9% (26,8 % tra i giovani), quindi ben lontani dalla piena occupazione indicata con un tasso di disoccupazione inferiore al 5% (disoccupazione frizionale).

    All’interno quindi di uno scenario economico politico sostanzialmente agli antipodi rispetto a quello d’oltreoceano sembrerebbe sicuramente assurdo adottare le medesime politiche monetarie con l’obiettivo di frenare un fenomeno (inflazione) simile ma determinato da cause diverse. Nel nostro Paese, in più, si aggiungono anche gli effetti di una politica di sviluppo che parte da due assiomi assolutamente superati e comunque falsi. Sulla base del primo l’attività di governo invece di avere un approccio organico e complessivo allo sviluppo del Paese ha scelto di privilegiare uno specifico settore (edilizio) come beneficiario dei maggiori interventi finanziari (bonus fiscali), espressione della convinzione di “un effetto traino” in grado cioè di riavviare l’intera economia generale. Una scelta risibile il solo pensare che un singolo privilegiato settore possa determinare una crescita complessiva ma di certo ha dato vita NON solo ad una rinascita dell’inflazione ma ANCHE alla creazione di una aspettativa di inflazione per tutti gli altri comparti economici.

    Il secondo assioma assolutamente fuorviante è quello relativo ad un altro effetto traino per l’intera economia attributo questa volta alla semplice crescita della spesa pubblica, quasi rappresentasse il motore stesso dell’economia nazionale.

    In trent’anni di esplosione della spesa pubblica, finanziata con l’aumento della pressione fiscale e del debito pubblico, il reddito disponibile per i contribuenti italiani si è ridotto del -3,7% a fronte di una crescita in Germania del +34,7 % e di oltre il +24% in Francia. Direbbe quindi il poeta “perdete ogni speranza voi che attendete gli effetti economici della spesa pubblica” soprattutto all’interno di una pseudo-transizione energetica priva di ogni base economica di sostenibilità la quale, va ricordato, viene sovvenzionata da quarant’anni (40) con oneri nelle bollette, a tutt’oggi in grado di raggiungere la quota di rinnovabili al 18% ma pretendendo di arrivare al 50% nel 2030, cioè in otto (8) anni. L’adozione, quindi, di una politica monetaria restrittiva da parte della Bce determinerebbe solo l’effetto di frenare ulteriormente il tentativo di ripresa economica rendendo più oneroso l’accesso al credito e probabilmente con effetti nulli sul principale problema come l’inflazione stessa. Gioverebbe ricordare, infatti, come all’interno di un mercato globale le politiche monetarie regionali (l’Europa altro non è in un contesto mondiale) abbiano già fallito nel recente passato.

    In questo senso basti ricordare come dal 2015 l’allora presidente della Bce Mario Draghi abbia inaugurato il Quantitive Easing con l’obiettivo di fornire un supporto finanziario alla crescita economica e alla produzione ma anche scongiurare la deflazione che avrebbe messo in seria difficoltà il sistema finanziario e bancario.

    Fino alla esplosione della terribile pandemia nel 2020 nessun indicatore economico aveva registrato una ripresa dell’inflazione, legata all’enorme quantità di risorse finanziarie disponibili sul mercato, anche a causa della stagnazione sostanziale dei consumi ed alla diminuzione del prezzo medio dei beni acquistati provenienti da zone a basso costo di manodopera.

    Nella situazione opposta la medesima politica monetaria ma di segno opposto non frenerebbe l’inflazione (come detto esogena) ma ridurrebbe ulteriormente le opportunità di crescita e garantirebbe solo una maggiore e pericolosa stagnazione economica già in atto (*) riducendo anche drasticamente il potere di acquisto di intere fasce di popolazione a basso reddito ma anche del ceto medio. Con on queste caratteristiche e parametri economici non esistono quindi le condizioni per una politica monetaria restrittiva quando invece l’unica soluzione dovrebbe venire individuata in una sostanziale ed omogenea riduzione del carico fiscale avviata sia dallo stato centrale, cominciando a rendere disponibile le risorse del Fiscal Drag, quanto dagli enti locali i quali hanno aumentato il proprio prelievo fiscale negli ultimi dieci anni del 111%.

    Una riduzione della pressione fiscale sarebbe assolutamente di per sé deflattiva (**) ed a favore delle fasce meno abbienti di contribuenti (***) riducendo il potere delle classi politiche e dirigenti che vivono di spesa pubblica anche per finanziare il proprio consenso elettorale.

    (*) dicembre 2021: produzione industriale -0,7% – gennaio 2022: produzione industriale -1,3%

    (**) si pensi alla riduzione del costo del gasolio nel trasporto delle merci e quindi al benefico effetto per i costi di trasporto e, di conseguenza, del prezzo dei beni di consumo

    (***) esattamente il contrario di quanto ottenuto con la rimodulazione delle aliquote Irpef del governo Draghi

  • Mexican nursery’s lottery win turns into nightmare

    Parents in southern Mexico say they are being threatened by a gang after their children’s nursery won 20m pesos ($950,000; £710,0000) in a lottery.

    The nursery has just over two dozen pupils and their parents were put in charge of administering the prize.

    Soon after their win was made public, they received threats from an armed group, which demanded that they use the money to buy weapons for the gang.

    The families say they had to flee their village and have been living rough.

    Gang violence is rife in Mexico and armed groups often try to recruit locals in their fight with rivals for control of territory.

    A number of the 500-peso tickets in Mexico’s much-publicised “plane lottery” were bought by anonymous benefactors and donated to poor schools and nurseries across the country.

    The Mexican state organised the lottery after a previous plan to raffle off the presidential plane to raise funds for hospital supplies had been shelved because it was deemed impractical.

    A list of the 100 winners was announced in September 2020 and published in Mexican newspapers.

    The tiny nursery in the indigenous village of Ocosingo was among the winners.

    While the windfall was cause for celebration at first, the problems started soon after news of it spread.

    Members of the parents’ association say that they started receiving threats from an armed group called Los Petules which demanded that the prize money be used to buy guns for the gang, which reportedly planned to attack a rival group in a neighbouring village.

    The parents refused and instead spent part of the money on a new roof for the nursery.

    The threats increased this year when the parents decided to use the remaining 14m pesos for works to improve their village.

    In March, one father was shot at by gang members who demanded he hand over the prize money.

    Last month, the situation escalated further when the gang reportedly attacked women and children in the village, causing 28 families to flee.

    One member of the parents’ association said the community had lost “cattle, our homes, refrigerators, our corn and bean harvests, our chickens”.

    A spokesman for the families said that they had alerted the local authorities to their plight but that unless the gang was disarmed and dissolved, they would not be able to return to their homes.

  • Supermercato Italia

    Se all’interno di un supermercato Italia (A) nel quale si possa trovare ogni genere di beni esistenti venisse offerto un bonus aggiuntivo a carico dello stesso supermercato (debito aggiuntivo quindi) ma spendibile solo in alcuni settori merceologici questo determinerebbe l’immediata impennata di acquisti per i beni degli scompartimenti beneficiati dal bonus ma con una conseguente crescita dei prezzi estesa ad ogni tipologia  merceologica (inflazione a strascico determinata dalla sua stessa  aspettativa*). In questo contesto di crescita di prezzi reale ed attesa gli altri settori faticherebbero a mantenere i volumi storici di vendita. A fronte di questa domanda aggiuntiva lo stesso supermercato si avvarrebbe di nuove collaborazioni (a tempo determinato ed in rapporto alla sola durata del bonus) mentre rimarrebbero bloccate tutte le strategie di sviluppo nella gestione delle risorse umane e relative agli addetti degli altri reparti.

    Gli esercizi commerciali situati nelle immediate vicinanze del supermercato avrebbero probabilmente una temporanea crescita dei consumi di caffè e di altri prodotti senza però indurli a programmare investimenti per il prossimo futuro a causa della percezione della temporalità delle politiche commerciale del supermarket: resterebbero cioè in vigile attesa (aumentando così le proprie giacenza liquide sui conti correnti).

    Una volta esaurito l’effetto espansivo del bonus il supermercato potrebbe certificare, a livello finanziario, un forte incremento del fatturato con un conseguente netto miglioramento del rapporto debito e fatturato (debito/PIL). Questo risultato verrebbe ottenuto sostanzialmente a “costi fissi e stabili” in quanto i collaboratori a tempo determinato risulterebbero già usciti dall’organico ben prima della fine del ciclo economico incentivato dal bonus e rientrati in carico alle cooperative somministratrici di “servizi umani”.  Si creerebbe così la situazione ideale per la società di distribuzione (A) di diventare l’oggetto di una acquisizione da parte di un concorrente di dimensioni maggiori e quindi finanziariamente più solido (acquisizione private equity di aziende del Made in Italy).

    Contemporaneamente se un altro  supermercato Italia (B), invece, abbassasse il livello generale dei prezzi praticati alla propria clientela (magari grazie ad un minore ricarico “fiscale” e limando gli “sprechi di struttura”, cioè la spesa corrente) i consumatori, dopo una iniziale incertezza ed una volta compresa e quantificata l’entità della nuova e maggiore disponibilità (a redditi costanti), aumenterebbero i propri acquisti magari anche utilizzando una parte di quelle risorse depositate nei conti correnti nati come espressione della propria incertezza nel futuro.

    La percezione, infatti, di una nuova maggiore disponibilità si riverbera anche attraverso una nuova fiducia e quindi trova la propria manifestazione con l’aumento della domanda marginale (a redditi stabili) e, di conseguenza, in nuovi consumi, confermando ulteriormente l’importanza del sentiment in economia. (*)

    La crescita del fatturato del supermercato coinvolgerebbe tutti i settori merceologici spingendo la direzione stessa a stabilizzare una quota di lavoratori già attivi all’interno della struttura, fino ad allora con contratti a tempo determinato, e magari contemporaneamente assumendone anche di nuovi per rispondere alla domanda in costante crescita.

    I fortunati esercizi commerciali posti nelle immediate vicinanze del supermarket avrebbero una crescita costante dei consumi e verrebbero indotti a programmare una serie di investimenti finalizzati a migliorare e sviluppare le proprie potenzialità quanto il livello del prodotto, reintroducendo magari nel circuito economico una parte delle proprie liquidità prima giacenti inerti nei conti correnti. La stessa direzione del supermercato potrebbe finalmente abbandonare le quasi mensili e a basso valore aggiunto campagne di promozione 3×2 (elezioni) e sempre meno seguite dalla disorientata clientela (affluenza sotto il 50%) a favore invece di una politica di crescita complessiva attraverso investimenti strutturali con evidenti sinergie di costi e lasciando le promozioni ai classici periodi stagionali (nuova legge elettorale che concentri in poche date tutti gli appuntamenti elettorali).

    In altre parole ecco come gli effetti della gestione del primo supermercato Italia (A) rappresentino la costante fotografia delle sciagurate strategie della classe politica e dirigente italiana negli ultimi trent’anni le quali hanno determinato solo ed esclusivamente la diminuzione del reddito disponibile per i cittadini italiani del -3,7 %, mentre in Germania (in più con un debito pubblico inferiore di oltre il 50%) risulta aumentato del +34,7%.

    Nel secondo supermercato Italia (B), viceversa, si sperimenta una politica diversa ma espressione finalmente di una ritrovata competenza. Invece di attendere i successivi quanto improbabili effetti nel medio e lungo termine derivanti dal semplice e ripetuto rifinanziamento della spesa pubblica, nel secondo esercizio commerciale si predilige una crescita costante come espressione della maggiore capacità di spesa dei propri clienti (sostegno alla domanda interna). Un reddito disponibile legato più alla crescita del Pil del Paese che non a quella della spesa pubblica la quale, come inevitabile contropartita, determina la insopportabile crescita della pressione fiscale sempre più progressiva rispetto ai costi dei prodotti (accise carburanti e tassazione consumi).

    Le diverse strategie utilizzate dal “management” della distribuzione Italia (A/B) fanno così risultare vicina al quadro complessivo del nostro Paese la prima e contemporaneamente lontana in modo imbarazzante la seconda. In più, di fronte alle nuove disponibilità finanziarie forniteci dalla Unione Europea, si continua a finanziare ulteriore spesa settoriale senza valutare il quadro d’insieme (supermercato A) mentre ancora una volta si dimentica il sostegno alla domanda complessiva (supermercato B).

    Ormai emerge evidente come questo continuo sostegno al solo aumento della spesa pubblica non possa venire giustificato solo dalla fiduciosa attesa di benefici effetti nel medio e lungo termini ma ormai rappresenta soprattutto il livello di compromissione tra il ceto politico e quello affaristico imprenditoriale.

    Va Infatti ricordato come l’aumento della spesa pubblica determini la crescita di quel potere di una classe politica sempre più assetata di nuove disponibilità con il solo obiettivo di  accrescere  così il proprio potere in modo   inversamente proporzionale al consenso di cui possa godere  (26.11.2018 https://www.ilpattosociale.it/attualita/la-vera-diarchia/).

    A conclusione si auspica come la prossima volta, quando gli italiani andranno a fare la spesa, si ricordino finalmente quale dei due supermarket risulti più conveniente per i propri acquisti.

    (*) Il premio Nobel per l’economia attribuito allo psicologo Daniel Kahnemann incanala la ricerca verso la relazione tra economia e mente.

  • Trustmeup, la nuova piattaforma digitale che promuove un nuovo modello di sostenibilità

    Non Profit ed E-commerce, due mondi apparentemente distanti, si uniscono nella piattaforma web TrustMeUp, l’unica in grado di trasformare ogni acquisto in donazione e ricompensare ogni donazione, al 100%, in sconti per nuovi acquisti digitali. Il tutto in maniera trasparente e tracciata grazie alla tecnologia blockchain.

    Un modello innovativo di raccolta fondi per il Terzo Settore, con l’obiettivo di raddoppiare il valore delle donazioni e offrire alle aziende una proposta innovativa di CSR condivisa che permette a tutti di comprare donando “a costo zero”. Da un lato, infatti, i consumatori possono donare mediamente il 15% dell’importo speso in uno dei negozi online aderenti alla piattaforma (secondo un modello definito come DonaComprando); dall’altro effettuare una donazione, per qualsiasi importo, a favore di un ente non profit presente all’interno di TrustMeUp e trasformare lo stesso valore in uno sconto digitale, da utilizzare in seguito.

    La piattaforma si presenta come una nuova frontiera dello shopping dimostrando che i consumi, fatti in modo differente, possono impattare sulla società e sostenere il mondo del Non Profit in maniera semplice, sostenibile e senza costi aggiuntivi. Ad ulteriore beneficio dell’utente e a dimostrazione della trasparenza e tracciabilità dello strumento, TrustMeUp emetterà per conto dell’Associazione Non Profit cui è stata fatta la donazione una ricevuta fiscale valida ai fini delle detrazioni fiscali, garantendo un cashback del 5% in media della cifra spesa.

    Presentato in occasione dell’evento “E-Commerce e Non Profit: un nuovo modello di sostenibilità” patrocinato da Assolombarda, TrustMeUp arriva in un momento di profonda crescita per il mondo dello shopping online. Secondo i dati NetComm, gli e-shopper durante i primi due mesi del 2020, sono aumentati di 2 milioni, raggiungendo il totale di 27 milioni, portando così a un incremento dell’e-commerce del 176% nel 2020 rispetto al 4% dell’anno precedente e una previsione di crescita di un ulteriore 19% nel 2021. Meno floridi sono stati gli ultimi mesi per il settore Non Profit, come evidenziano i dati dell’Istituto Italiano della Donazione: il 43% degli enti stima di chiudere il 2021 con una diminuzione delle entrate. Tuttavia una nuova speranza la danno i canali digitali: per il 28,4% nel 2020 le donazioni online sono aumentate o rimaste stabili (58%).

Back to top button