Russia

  • YouTube blocks account of Russian ultranationalist ideologue

    YouTube has permanently blocked the account of Tsargrad TV channel and its former chief editor, pro-Kremlin analyst Aleksandr Dugin, due to violation of the legislation on sanctions and trade rules, Interfax reported on Tuesday.

    “Google complies with all applicable sanctions and trade compliance laws. If we find that an account is in violation of these laws, we take appropriate action”, representatives of Google, which owns YouTube, told the news agency.

    The founder of Tsargrad TV channel, Konstantin Malofeyev has been under US sanctions since 2014, over his participation in the annexation of Ukraine’s Crimea by Russia, and his financial support to Russia-backed separatists in Eastern Ukraine.

    The Tsargrad TV channel, which describes itself as an outlet for conservative Orthodox Christians, was disabled without the right to restore, according to RFE/RL. On Tuesday, it posted on Russia’s VKontakte (VK) social network that all content will be available on its website, following YouTube’s blocking.

  • Ucraina, raggiunto un accordo per il cessate il fuoco

    Funzionari del governo ucraino, separatisti filo-russi e negoziatori dell’OSCE hanno concordato i termini per un cessate il fuoco nell’Ucraina orientale a partire dal 27 luglio.

    “Il regime del cessate il fuoco, se osservato dall’altra parte, è un presupposto fondamentale per l’attuazione degli accordi di Minsk e apre la strada all’attuazione di altre disposizioni di tali accordi. La svolta è il risultato del lavoro efficace della delegazione ucraina con il sostegno dei nostri partner internazionali a Berlino e Parigi”, fanno sapere dalla segreteria del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, eletto l’anno scorso con la promessa di porre fine al conflitto nelle regioni orientali di Donetsk e Luhansk.

    I leader europei avevano chiesto di raggiungere l’accordo come prerequisito per tenere un nuovo vertice sulla crisi ucraina.

    Più di 13.000 persone, tra truppe ucraine e ribelli sostenuti dalla Russia, hanno perso la vita nel conflitto cominciato nel 2014, quando Mosca ha annesso con la forza la penisola di Crimea in Ucraina e ha sostenuto la ribellione ad est. I combattimenti più importanti si sono conclusi con un cessate il fuoco del 2015 mediato da Germania e Francia, ma gli sforzi per l’attuazione si sono ridotti, con la Russia che nega di avere truppe nell’Ucraina orientale.

  • Il Regno Unito ha sottovalutato le interferenze russe nei suoi referendum

    I funzionari britannici non hanno agito e hanno sottovalutato la minaccia russa. E’ quanto emerge dal rapporto dell’Intelligence and Security Committee (ISC) del Regno Unito sull’attività russa in UK. L’indagine dell’ISC, iniziata nel 2017 dopo le dichiarazioni sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, fa riferimento a campagne di disinformazione, tattiche informatiche e presenza di espatriati russi nel Regno Unito, concludendo che i ministri avrebbero chiuso un occhio sulle accuse di coinvolgimento russo. Il rapporto critica le agenzie di intelligence per non aver intrapreso alcuna azione durante il referendum sull’uscita dall’UE, nonostante ci fossero voci attendibili che parlavano di “campagne di influenza” da parte dei russi durante il referendum sull’indipendenza scozzese nel 2014. “Il governo del Regno Unito ha attivamente evitato di cercare prove sulle interferenze russe. Ci è stato detto che non avevano visto alcuna prova, ma non ha senso se non ne hanno cercate”, ha dichiarato Stewart Hosie, membro dell’ISC, che ha aggiunto: “Non ci è stata fornita alcuna valutazione post referendum dei tentativi di interferenza da parte della Russia”. Il Cremlino ha respinto le affermazioni definendole ‘russofobia’ in perfetto stile fake news.

  • Russia e Cina pongono il veto alla risoluzione ONU per gli aiuti umanitari in Siria ma l’UE tira dritto

    L’UE contro Russia e Cina dopo che i due Paesi hanno ripetutamente posto il veto ad una risoluzione delle Nazioni Unite per la fornitura di aiuti umanitari in Siria. Il responsabile della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, non ha usato mezzi termini per commentare la decisione: “L’approccio non costruttivo di alcuni membri del Consiglio di sicurezza è tanto più deplorevole in un momento in cui i bisogni non sono mai stati così grandi e nel contesto della pandemia di coronavirus”.

    La risoluzione è stata infine approvata sabato scorso, dopo cinque tentativi, e solo dopo l’astensione di Russia e Cina. Alle Nazioni Unite è consentito solo un punto di attraversamento dalla Turchia, il cosiddetto Bab al-Hawa, rispetto ai due precedentemente disponibili. Il limitato accesso per la fornitura di assistenza umanitaria d’emergenza penalizzerà migliaia di persone bisognose nella Siria nordoccidentale poiché ostacolerà la consegna di forniture salvavita.

    L’UE continuerà comunque a sostenere la popolazione siriana in difficoltà, nonostante le circostanze sfavorevoli. Borrell ha anche sottolineato che il conflitto richiede una soluzione politica e non militare, citando i risultati di una conferenza sul futuro della Siria, tenutasi a giugno a Bruxelles.

     

  • Bruxelles estende le sanzioni contro la Russia per il conflitto in Ucraina

    L’Unione Europea ha esteso le sue sanzioni contro la Russia fino al 31 gennaio 2021. Nel 2014 Bruxelles ha imposto le misure restrittive in risposta all’annessione della Crimea da parte della Russia, che l’UE, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite e la Turchia considerano illegali. L’Ucraina incolpa la Russia anche per la violenza separatista dell’Ucraina orientale. Le misure sono state estese a causa della riluttanza di Mosca ad attuare pienamente l’accordo di Minsk, che ha lo scopo di stabilire un cessate il fuoco nell’Ucraina orientale. Le misure restrittive riguardano alcune banche e società russe che avranno un accesso limitato ai mercati dei capitali dell’UE e vietano anche il commercio di tutti i beni legati alla difesa e le tecnologie sensibili che possono essere utilizzati nel settore energetico russo.

  • OSCE members slam Russia’s lack of response to human rights violations in Chechnya

    In a joint statement, 16 members of the Organisation for Security and Cooperation in Europe (OSCE) said Russia has failed to address severe human rights violations in the semi-autonomous region of Chechnya.

    The statement was delivered to OSCE by the Danish delegation to the organisation on behalf of the delegations of Belgium, Canada, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Iceland, Ireland, Latvia, Lithuania, the Netherlands, Norway, Sweden, the United Kingdom, and the United States.

    It was issued 17 months after a fact-finding report, called Moscow Mechanism Report that was presented at the OSCE, said the authorities in Chechnya had committed “very serious” human rights violations and abuses.

    The OSCE members stressed that “the climate of impunity” continues to prevail, citing continuous attacks against journalists, human rights defenders and the LGBTI community. According to their statement, those groups of people are being harassed and persecuted, unlawfully arrested, subjected to torture and even extrajudicially executed.

    The countries called on Russia to fully implement the recommendations included in the report, calling the situation in Chechnya “deeply worrying”.

    “We will continue to raise our concerns with regard to the numerous credible allegations of ongoing serious human rights violations and abuses in Chechnya until we receive a substantive response from the Russian Federation and observe tangible progress in the region,” their statement reads.

    The leader of Chechnya, Ramzan Kadyrov, since appointed by Vladimir Putin in 2007, has been implementing aggressive measures to rule the region, leaving no space for minority groups, journalists and activists.

    Amid the Coronavirus pandemic, Kadyrov said in an interview to state-run media that people who fail to self-isolate after testing positive for COVID-19, should be killed. After his statement circulated in Russian media, people who spread the news apologised for their move, with human rights groups citing fears that the confessions were coerced.

  • New US Justice Department indictment says Russia and Qatar paid FIFA for World Cups

    New US Justice Department indictment says Russia and Qatar paid FIFA for World Cups

    The United States Department of Justice on Monday said that bribes were paid to members of FIFA’s top board to secure votes for the hosting rights to the 2022 World Cup in Qatar.

    According to the prosecutors, representatives working for Russia and Qatar bribed FIFA executive committee officials to swing votes in the crucial hosting decisions.

    Three media executives and a sports marketing company were charged with a number of crimes, including wire fraud and money laundering, in connection with bribes to secure television and marketing rights for international soccer tournaments. The indictment states that the three South American members of FIFA’s 2010 executive took bribes to vote for Qatar to host the 2022 tournament.

    The Department of Justice also alleges that then FIFA vice-president Jack Warner was paid $5 million through various shell companies to vote for Russia to host the 2018 World Cup.

    Qatar’s Supreme Committee for Delivery and Legacy rejected the charges: “Despite years of false claims, evidence has never been produced to demonstrate that Qatar won the rights to host the FIFA World Cup 2022 unethically or by means that contravened FIFA’s strict bidding rules”, it said.

    Kremlin spokesman Dmitry Peskov said: “Russia received the right to host the World Cup completely legally. It is in no way linked to any bribes. We reject this. And Russia hosted the best soccer World Cup in history, which we are proud of”.

    “The FIFA Ethics Committee has already imposed sanctions, including life bans, on football officials mentioned in this process”, a FIFA spokesman said.

     

     

  • Russian Duma passes president-for-life bill allowing Putin to stay on past 2024

    Russia’s President Vladimir Putin on Tuesday supported a constitutional amendment that would allow him to seek reelection in 2024 by restarting the term count.

    If approved, the amendment would pave the way for him to stay in office until 2036. The change would reset his presidential term count, which means he could stand in the next two elections.

    Lawmaker Valentina Tereshkova, who was also the first woman in space, suggested either scrapping Russia’s two-term limit for presidents or stopping the clock so the law wouldn’t apply to Putin’s time in office. Her proposal was endorsed by the lower house of parliament, known as the Duma, who voted 380-44 for the amendment.

    In recent months, Putin has been secretive about the reforms he proposed, saying that they were intended to strengthen government bodies. He repeatedly said the changes would not be used to extend his current term in office.

    A nationwide vote on the proposed amendments is set for 22 April. Changing the term limit and allowing him to run in the next election “would in principle be possible if citizens support this amendment in the vote on April 22, but under one condition, that the constitutional court rules that this amendment won’t violate the country’s main law, the constitution”, Putin said.

    The opposition called for protests on 21 March. After the protest announcement, the authorities banned outdoor events with attendance of more than 5,000 until 10 April. They explained the measure was intended to stop the spread of the new coronavirus.

    “The country where the government doesn’t change for 20 years has no future”, a group of opposition activists said in a statement.

     

  • Le nuove armi ‘uniche’ della Russia

    Mentre tutto il mondo cerca di correre ai ripari per prevenire, laddove non fosse ancora giunto, o curare, dove si è manifestato, il coronavirus, il presidente russo Vladimir Putin ha pensato di annunciare urbi et orbi di aver fatto sviluppare armi offensive ‘uniche’, non per aggredire qualcuno ma per “mantenere l’equilibrio e la stabilità strategici” nel mondo. In una lunga intervista di tre ore, che verrà trasmessa settimanalmente in parti di venti minuti l’una, Putin celebra i suo 20 anni al potere. Tanto per mettere in guardia i suoi avversari, e non solo, ha dichiarato che la Russia ha creato “sistemi di attacco offensivo che il mondo non ha mai visto”, leggasi ‘armi nucleari’, che stanno costringendo gli Stati Uniti a cercare di recuperare il ritardo. Ha anche menzionato i nuovi “sistemi offensivi ipersonici”, che sono diventati operativi alla fine dell’anno scorso e possono volare 27 volte la velocità del suono. Putin ha affermato inoltre che la presenza di questi sistemi consente alla Russia di mantenere la stabilità strategica e l’equilibrio strategico che gli Stati Uniti hanno cercato di “turbare” con i loro sistemi di difesa missilistica.

  • Per Putin anche i giornalisti sono ‘agenti stranieri’ e vanno controllati

    Giornalisti alla pari degli 007. Accade in Russia dove Putin ha firmato un decreto legge a dir poco liberticida in cui si equiparano giornalisti, blogger e tutti coloro sospettati di ricevere supporto finanziario o altro materiale da organizzazioni di media esteri agli ‘agenti stranieri’. Il provvedimento si affianca ad una precedente legge approvata dal Cremlino nel 2012 per arginare l’attività degli agenti segreti veri sul territorio russo, emanata in seguito alle proteste antigovernative nel Paese per la salita al potere di Putin. Gli attivisti per i diritti umani vedono in questo nuovo editto una tattica brutale per colpire le voci critiche contro il governo e un modo per invadere la vita e la sicurezza dei giornalisti. Dal canto suo Mosca afferma che la legge è ‘solo’ una risposta alla decisione del governo degli Stati Uniti di vietare al canale di Stato russo RT la sua unità operativa sul territorio statunitense come secondo il Foreign Agents Registration Act.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker