scuola

  • La Rete non può sostituirsi alla scuola

    Nell’ultimo concorso di selezione per posti di magistrato ordinario la commissione ha giudicato idonei solo 220 elaborati su 3797 e alcuni membri della stessa commissione hanno parlato di elaborati neppure valutabili perché privi dei requisiti minimi.

    Lingua italiana primitiva, nessuna logica argomentativa, errori concettuali ed errori di diritto e un altissimo numero di refusi hanno fatto scartare la maggior parte dei testi scritti, sono risultati  idonei solo il 5,7% degli elaborati con il risultato che all’orale si presenteranno meno candidati dei posti disponibili.

    Questa notizia, unita a quella di pochi giorni fa che sottolineava come il 51% dei quindicenni non sia in grado di comprendere completamente un testo scritto, deve indurre tutti ad una seria riflessione e a conseguenti immediate decisioni da prendere sulla scuola e sull’Università ma anche a ragionare sulle conseguenze di un uso eccessivo della rete che porta troppi all’incapacità di ragionamento. Non si leggono libri, non si leggono giornali, non si discute e non ci si confronta né in famiglia né a scuola.

    Il linguaggio è sempre più povero, le immagini sostituiscono le parole ed i contenuti, l’improvvisazione ed il pressappochismo si sono sostituiti allo studio ed all’analisi, la mancanza di concetti va di pari passo con la perdita delle più elementari nozioni di sintassi e di grammatica.

    Le conseguenze sono gravi perché anche la democrazia, la libertà di parola, la certezza della giustizia, la convivenza civile si basano su una maggior cultura e non, come sta succedendo, con una costante e pericolosa regressione culturale ed incapacità di ragionamento.

    Se una persona non è in grado di esprimersi in modo compiuto, di decodificare correttamente i messaggi, palesi o surrettizi, che arrivano da tutte le parti, false notizie comprese, questa persona non è più libera e se non è libera non sarà in grado di difendere se stessa, di comprendere gli altri, di vivere dando il suo contributo al rafforzamento della democrazia, unico strumento per mantenere la pace e raggiungere un autentico equilibrio nella società.

    L’ignoranza non è mai una scusa e diventa una colpa sopratutto di chi consente che intere generazioni siano state e siano di fatto escluse, emarginate o comunque più deboli per colpa di sistemi scolastici inefficienti e perché si è in gran parte lasciato ai sistemi informatici l’educazione culturale e sociale.

  • Afghanistan: The secret girls school defying the Taliban

    Hidden away in a residential neighbourhood is one of Afghanistan’s new “secret” schools – a small but powerful act of defiance against the Taliban.

    Around a dozen teenage girls are attending a maths class.

    “We know about the threats and we worry about them,” the sole teacher tells us, but she adds, girls’ education is worth “any risk”.

    In all but a handful of provinces in the country, girls’ secondary schools have been ordered to remain closed by the Taliban.

    At the school we visit, they’ve done an impressive job trying to replicate a real classroom, with rows of neat blue and white desks.

    “We do our best to do this secretly,” says the female teacher, “but even if they arrest me, they beat me, it’s worth it.”

    Back in March, it seemed as if girls’ schools were about to reopen. But just an hour or so after pupils began arriving, the Taliban leadership announced a sudden change in policy.

    For the students at the secret school, and many other teenage girls, the pain is still raw.

    “It’s been two months now, and still schools haven’t reopened,” one 19-year-old in the makeshift classroom told us. “It makes me so sad,” she added, covering her face with the palms of her hands to hold back the tears.

    But there’s also a mood of defiance.

    Another 15-year-old student wanted to send a message to other girls in Afghanistan: “Be brave, if you are brave no-one can stop you.”

    Primary schools for girls have reopened under the Taliban, and have in fact seen a rise in attendance following the improvement in security in rural parts of the country, but it’s not clear when or if older girls will be allowed back into class.

    The Taliban have said the correct “Islamic environment” needs to be created first, though given schools were already segregated by gender, no-one seems sure what that means.

    Taliban officials have repeatedly insisted in public that girls schools will reopen, but also admit that female education is a “sensitive” issue for them. During their previous stint in power in the 1990s, all girls were prevented from going to school, ostensibly due to “security concerns”.

    Now, multiple sources told the BBC, a handful of hardline but highly influential individuals in the group appear to still be opposed to it.

    In private, other Taliban members have expressed their disappointment at the decision not to open girls’ schools. The Taliban’s Ministry of Education seemed as surprised as anyone when the leadership overruled their plans in March, and some senior Taliban officials are understood to be educating their daughters in Qatar or Pakistan.

    In recent weeks, a number of religious scholars with links to the Taliban have issued fatwas, or religious decrees supporting girls’ right to learn.

    Sheikh Rahimullah Haqqani is an Afghan cleric, based largely across the border in Peshawar, Pakistan. He’s well-respected by the Taliban and on a trip to Kabul last month met senior figures within their government.

    He’s careful not to criticise the continued closure of schools but, speaking at his madrassa in Peshawar, with his mobile phone in hand, scrolls through the text of his “fatwa”, which shares decrees from earlier scholars and accounts from the life of the Prophet Muhammad.

    “There is no justification in the sharia [law] to say female education is not allowed. No justification at all,” he tells the BBC.

    “All the religious books have stated female education is permissible and obligatory, because, for example, if a woman gets sick, in an Islamic environment like Afghanistan or Pakistan, and needs treatment, it’s much better if she’s treated by a female doctor.”

    Similar fatwas have been issued by clerics in Herat and Paktia provinces in Afghanistan. It’s a symbol of how widespread support for girls’ education now is in the country, even amongst conservative circles, but it’s not clear how much of an impact the decrees will have.

    The Taliban have formed a committee to examine the issue, but multiple sources with links to the Taliban told the BBC that while even senior Taliban ministers were on board with the reopening of girls schools in March, opposition to it centred around the group’s leadership in the southern city of Kandahar, where the “Amir” or Supreme Leader, Mullah Haibatullah is based.

    After initially adopting a more flexible attitude when taking power last August, the Taliban have recently been issuing more and more hardline edicts, including making the face veil compulsory for women and encouraging them to stay at home.

    Meanwhile, their tolerance for dissent, even in their own ranks, is dissipating.

    One Taliban member with a large following on social media, had tweeted critically about the closure of girls’ schools, as well as new rules ordering government employees to grow their beards. However, according to one source, he was called in for questioning by the Taliban intelligence department, later deleting his tweets and apologising for his earlier comments on beards.

    There appears to be very little grassroots opposition to female education in Afghanistan, but some Taliban figures cite concerns about the Islamic State group using the issue as a recruitment tool, if girls’ schools are opened up.

    Western officials, however, have also made clear that progress on women’s rights is key for the Taliban to be able to access some of the billions of dollars of foreign reserves that are frozen.

  • I presidi propongono un codice redatto nelle scuole per le chat di classe

    Non abolirle ma regolamentarle. Utilizzarle sono per le emergenze ma, secondo Antonello Giannelli presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (Anp), sulla base di un codice di autodisciplina redatto direttamente dalle scuole. Le chat di classe in questi giorni sono al centro di un ampio dibattito nel mondo della scuola A scatenarlo sono stati i dirigenti scolastici dell’Anp di Roma favorevoli alla revisione del Codice Deontologico e all’emanazione di un regolamento utile per le scuole di tutta Italia.

    Nei due anni di pandemia le chat sono diventate uno strumento indispensabile soprattutto nel rapporto tra docenti e genitori. Ma in altre situazioni l’uso distorto ha generato situazioni così eclatanti da essere pubblicate sulle pagine delle cronache nazionali. E’ il caso di un bambino di una scuola primaria di Pavia che sarebbe stato bullizzato da tre maestre colleghe della mamma. Vicenda finita con una denuncia ai Carabinieri e un esposto all’ufficio scolastico dopo la scoperta in un computer della scuola delle chat di WhatsApp fra le maestre in cui definivano il bambino ‘sporco’, ‘pirla’ e con altri pessimi appellativi. Ma non è una situazione isolata, un bambino autistico sarebbe stato denigrato a Roma dalle sue maestre sempre su una chat di WhatsApp. E ancora nella Capitale il caso delle presunte chat tra uno studente e la preside del liceo Montale.

    Per il presidente Nazionale dei Presidi (Anp) Antonello Giannelli “la tecnologia in sé non è mai negativa o positiva. Di conseguenza anche l’utilizzo delle chat può apportare vantaggi ma può anche prestarsi ad un uso distorto. È necessario capire che devono essere utilizzate in modo corretto e a questo proposito è fondamentale – puntualizza – la formazione di tutti i soggetti coinvolti”. Per Giannelli “un eventuale codice di autodisciplina” dovrebbe essere redatto direttamente dalle scuole. “Non dimentichiamo che – conclude – queste tecnologie sono di recente introduzione e non c’è ancora un patrimonio comune di comportamenti”.

    Mario Rusconi presidente Anp (Associazione Nazionale Presidi) di Roma è tornato a ribadire che “le chat di classe devo essere usate solo per le emergenze. Altrimenti stravolgono completamente il rapporto che ci deve essere con le famiglie”. A suo giudizio “le chat tra famiglie e insegnanti e tra insegnanti e studenti stanno dilagando e stanno creando una sorta di cortocircuito”. Tanti gli esempi quotidiani citati da Rusconi: “C’è il genitore che dice ‘perchè mio figlio ha preso 7 e non’ 8? oppure ‘perchè avete spiegato con due mesi di ritardo la perifrastica passiva’? ed ancora ‘perchè aveva cambiato posto a mio figlio?'”. “Non siamo abolizionisti – ci tiene a precisare Rusconi – semplicemente vogliamo una regolamentazione che non faccia scadere le chat in una sorta di continuo ping pong aggressivo”.

    Le chat di classe per il presidente Anp di Roma devono essere adoperate “in via solamente emergenziale quando succedono dei fatti molto gravi: la sera precedente alla partenza all’aeroporto una gita viene sospesa. Un ragazzo sta male, una classe ha avuto un incidente e così via”.

  • Afghanistan: Taliban backtrack on reopening high schools for girls

    The Taliban have reversed a decision to allow Afghan girls to return to high schools, saying a ruling is still to be made on the uniforms they must wear.

    Schools were set to open nationwide after months of restrictions since the Taliban seized power in August.

    But the education ministry abruptly announced girls’ secondary schools would stay shut, causing confusion.

    Some girls were in tears as parents and students reacted with anger and disappointment to the last-minute move.

    Many had earlier talked of how happy and excited they were to be back in the classroom.

    The decision came a week after the education ministry announced schools for all students, including girls, would open around the country on Wednesday.

    “We inform all girls’ high schools and those schools that [have] female students above class six that they are off until the next order,” the notice said.

    The notice added schools would reopen after a decision over the uniform of female students was made in accordance with “Sharia law and Afghan tradition”.

    A man who did not want to be identified told the BBC his daughter had been in shock and in tears since being refused entry by Taliban officials into the school this morning.

    “If anything happens to my daughter, I will not forgive the Taliban,” he said.

    Activist Mahouba Seraj, founder of the Afghan Women’s Network, was bemused by the U-turn.

    “The excuse they gave was ‘you don’t have the proper hijab on’. There was no ruling, they just decided this morning that the hijab was not proper, for whatever reason,” she told the BBC.

    She said girls’ “school uniforms in Afghanistan are pretty covered up, always”. Secondary schools in Afghanistan are already segregated by gender.

    One of the demands of the international community was for the Taliban to grant women and girls the right to education before being able to access foreign aid.

    Ms Seraj said: “What I want to hear from them and see from them is for them to stand fast and say ‘okay, this is what you decided to do? Well, this is what we have decided to do: no recognition, no money. Period!'”

    The United Nations mission in Afghanistan said it “deplores today’s reported announcement by the Taliban”.

    US diplomats said closing schools undermined confidence in Taliban commitments and assurances.

    It “further dashes the hopes of families for a better future for their daughters,” US special envoy Rina Amiri tweeted.

  • 15 milioni di EUR nell’ambito di Erasmus+ per sostenere la formazione degli insegnanti con le accademie degli insegnanti Erasmus+

    La Commissaria Gabriel ha lanciato i primi progetti selezionati nell’ambito delle nuove accademie degli insegnanti Erasmus+. Beneficiando di 15 milioni di EUR provenienti dal bilancio di Erasmus+ nell’arco di 3 anni, gli 11 progetti offriranno agli insegnanti in tutte le fasi della loro carriera opportunità di apprendimento che comprendono la mobilità, le piattaforme di apprendimento e le comunità professionali. Le accademie degli insegnanti Erasmus+ sono partenariati europei tra erogatori di formazione per insegnanti che svilupperanno una prospettiva europea e internazionale nella formazione degli insegnanti. Queste accademie svilupperanno un approccio orientato al multilinguismo, alla consapevolezza linguistica e alla diversità culturale, promuoveranno la formazione degli insegnanti in linea con le priorità dell’UE in materia di politica dell’istruzione e contribuiranno alla realizzazione degli obiettivi dello spazio europeo dell’istruzione. I primi progetti selezionati comprendono 182 organizzazioni da 23 paesi. Delle 182 organizzazioni partecipanti, 43 sono erogatori di formazione iniziale per insegnanti, 24 sono fornitori di sviluppo professionale continuo, 47 sono scuole di formazione pratica e 68 rappresentano altre organizzazioni con competenze in materia di formazione degli insegnanti e/o enti che definiscono gli standard, le qualifiche o la garanzia di qualità della formazione e della ricerca degli insegnanti. Un nuovo invito a presentare proposte per un maggior numero di progetti nell’ambito delle accademie degli insegnanti Erasmus+ sarà aperto dal 15 marzo al 7 settembre 2022.

    Fonte: Commissione europea

  • Scuola di Via Vivaio: il Sindaco fa il bullo con i più deboli

    Il Sindaco Sala ha pensato di fare un regalo per festeggiare la sua rielezione, un regalo alla Scuola comunale a statuto speciale per ragazzi ipovedenti di Via Vivaio a Milano: traslocare la scuola e non pagare più l’affitto.
    La scuola, un gioiello della nostra città, attua un progetto di educazione ed integrazione tra allievi vedenti, non vedenti, ipovedenti e con altre disabilità. Ma non solo; garantisce lo studio del francese e dell’inglese, di uno strumento musicale, attività di laboratorio e di orientamento professionale e musicale anche per gli alunni diversamente abili. E tanto altro ancora. Una scuola coi fiocchi!

    Ebbene, ora dovranno traslocare presso la Darsena con tutte le attrezzature e, viste le loro condizioni, riaddattarsi ad una nuova sconosciuta struttura, sperando di non avere incidenti e difficoltà.
    Complimenti al Sindaco Sala, ma anche ai consiglieri della sua maggioranza e dell’opposizione che fanno finta di niente e vilmente tacciono. Complimenti a tutti.

  • Illustrissimo Signor Presidente

    Illustrissimo Signor Presidente,

    mi unisco alla profonda stima e ai migliori auguri espressi da tanti italiani per il suo rinnovato mandato.

    La ringrazio, inoltre, sentitamente per averlo accettato nonostante abbia più volte dichiarato di avere altri progetti di carattere personale.

    Il suo gesto, a dimostrazione del suo alto senso di responsabilità e rispetto per le istituzioni, è di grande esempio per tutti noi in questi mala tempora.

    E di grande esempio, a mio parere, è anche l’enorme spirito di sacrificio dimostrato dai bambini delle scuole primarie di tutta Italia in questi recenti mesi.

    La partecipazione alla paura degli adulti per una minaccia invisibile (ma reale e concreta), la perdita, in alcuni casi molto traumatica, dei loro nonni o genitori, la forzata limitazione delle relazioni familiari e interpersonali, la drastica diminuzione di esperienze ludiche o sportive all’aria aperta, le decine di ore settimanali passate da soli davanti ad un computer o ad un televisore, sono solo alcuni degli esempi di quanto sia stata, e purtroppo lo è ancora, un’esperienza oggettivamente molto difficile.

    Nonostante ciò, sopra alle loro mascherine (credo tra i pochi in Italia a indossarle ancora quotidianamente per ore di fila), possiamo intravedere la luce dei loro occhi traboccanti di fiducia verso di noi e il futuro.

    Purtroppo il loro sforzo non è sempre sufficiente. Fenomeni come l’autolesionismo, disturbi alimentari, ansia, depressione e il cyberbullismo sono in crescita esponenziale. Accreditati studi scientifici, infatti, li indicano come le principali vittime, a livello psicofisico, di questa pandemia.

    Illustrissimo Signor Presidente, sappiamo bene come la nostra sopravvivenza da neonati, la nostra protezione da bambini e la nostra sicurezza da adolescenti dipendono in larga misura dalla qualità dell’ambiente, in primis quello naturale, e poi quello familiare e sociale in cui cresciamo.

    Qualche giorno fa mi sono imbattuto in un documento storico dove si citava il Decreto Regio n.1168 del 30 Aprile 1851 relativo all’istituzione della medaglia al valore civile. Sono andato così a leggere le motivazioni riconosciute come degne di tale riconoscimento e tra queste cito le seguenti:

    per impedire o diminuire il danno di un grave disastro pubblico o privato

    per mantenere forza alla legge

    per il progresso della scienza o in genere per il bene dell’umanità

    per tenere alti il nome ed il prestigio della Patria

    Illustrissimo Signor Presidente, in virtù di quanto ricordato precedentemente e delle sopra citate motivazioni, con la presente sono umilmente a chiederLe di valutare la possibilità di conferire ai bambini italiani delle scuole primarie la medaglia al valore civile.

    Onorificenza che indubbiamente meriterebbero anche molte persone e categorie professionali che si sono particolarmente distinte per il loro impegno civile e sociale in questi mesi. Infatti quello che Le sto umilmente chiedendo è, indubbiamente, un gesto meramente e fortemente simbolico in virtù di quel particolare e diretto rapporto che il Presidente della Repubblica ha da sempre avuto con tutti i bambini di questo Paese. Esperienza, sul piano antropologico e sociologico, forse unica nel panorama europeo.

    Il sottoscritto fa parte di quella generazione di bambini che è cresciuta con i racconti di casa, le lezioni di una sola maestra e le accalorate comparizioni del Presidente Pertini.  Ancora oggi, con i miei coetanei, ricordiamo con commozione e amor patrio le sue dichiarazioni in occasione del terremoto dell’Irpinia, della tristissima vicenda di Alfredino Rampi e dei più festosi Campionati di Calcio dell’82. E Le scrivo questo non di certo per fare paragoni (tutt’altro. Ognuno ha il suo carattere e la stima nei suoi confronti è massima) ma solo a riprova di quanto nel piccolo mondo di un bambino, il Presidente della Repubblica, la carica più importante dello Stato, possa incidere sul suo senso di appartenenza alla nostra comunità.

    Illustrissimo Signor Presidente, sono altresì consapevole degli importantissimi impegni a cui dovrà far fronte fin da subito in questo suo nuovo mandato e l’onorificenza richiesta non potrà di certo modificare le oggettive condizioni di difficoltà causate ai più piccoli da questa pandemia.

    Sarebbe solo, come detto, un forte gesto simbolico.

    Quanto importante sarebbe per i nostri figli crescere in un paese dove il loro Presidente, “il nonno di tutti”, abbia pensato anche a loro? Riconoscendone il sacrificio per diminuire il danno di un grave disastro pubblico, per mantenere forza alla legge, per il progresso della scienza, per il bene dell’umanità e per tenere alti il nome ed il prestigio della Patria?

    Illustrissimo signor Presidente, La ringrazio sentitamente per la gentile attenzione.

    Con gratitudine e stima,

    un papà italiano

  • Esame di maturità: il maldestro tentativo di normalizzazione

    Le elezioni del Presidente della Repubblica hanno indebolito, al contrario di quanto buona parte dei media si sono affrettati a sottolineare, il governo Draghi e le forze politiche della maggioranza governativa e prova ne è che da più parti si chieda una ulteriore spinta all’azione governativa, già ampiamente insoddisfacente prima della pantomima parlamentare.

    Le grida manzoniane di fonte governativa e politica mettono al centro delle priorità la lotta alla pandemia in nome della quale il governo introduce nuove restrizioni anche per le popolazioni più deboli come gli anziani senza green pass. Contemporaneamente si chiede il rilancio dell’azione governativa  a causa degli  ancora   insufficienti  risultati ottenuti e finalizzata a ridurre l’impatto devastante del rincaro delle bollette, il quale sta fermando letteralmente la produzione industriale e le cui dinamiche sono conosciute da oltre un anno e bellamente ignorate dal governo “dei migliori”.

    Contemporaneamente si cerca di irradiare da parte governativa una nuova luce finalizzata ad illuminare il prossimo futuro del nostro Paese il quale, proprio grazie alla azione del governo, si dovrebbe indirizzare verso una ritrovata normalità.

    In questo contesto di pura valenza comunicativa si inserisce quindi la decisione del Governo Draghi di tornare alla formula classica per l’esame di maturità nonostante molte classi quinte delle superiori siano ancora oggi in Dad, a differenza di quanto affermi un sempre più imbarazzante ministro dell’Istruzione, o costrette da protocolli sanitari anche per sei ore in classi senza ricircolo di aria con le mascherine sempre indossate.

    In questo nuovo delirio comunicativo a confermare una ritrovata normalità vengono così elusi, se non addirittura azzerati dal governo, tutti i costi formativi pagati dalla popolazione studentesca negli ultimi due terribili anni pandemici attraverso la Dad e la minore efficacia della stessa nell’insegnamento ed apprendimento.

    Il messaggio centrale ed ispiratore del governo deve rispondere alla volontà di rappresentare il successo dell’azione governativa testimoniato proprio dalla ritrovata forma della maturità dei tempi pre-covid: una scelta che dimostra l’assoluta mancanza di considerazione soprattutto per quelle classi di studenti sorprese dal lockdown totale al quarto anno e che ora si trova a pochi mesi dalla maturità la cui forma non si dovrebbe mai cambiare ad anno scolastico iniziato.

    Si possono intravedere tra le maglie di questa nuova iniziativa similitudini e forse pure le medesime motivazioni che spinsero Mao nel 1966 alla rivoluzione culturale nata come azione politica finalizzata a coprire i risultati negativi della politica economica definita allora come “il grande balzo in avanti”.

    In questa ottica ecco spiegata la martellante fotografia proposta dal ministro Brunetta relativa ad una crescita del Pil del +6,5% ma calcolato su una base statistica che aveva segnato nel 2020 una decrescita con un -9,3% (il doppio della Germania) e comunque legata alla crescita dei fatturati delle aziende energetiche a causa dell’esplosione anche dei costi delle materie prime.

    Considerando in un’ottica più generale, infatti, al ministro sfugge o peggio omette volontariamente come il saldo commerciale, cioè la differenza tra import ed export, nel dicembre 2021 segni un +4.373 milioni di euro, in decisa flessione rispetto alla medesima rilevazione nel 2020 che indicava il saldo in +7.972 milioni.

    Come in passato Mao avviò un’azione politica per coprire i propri fallimenti in campo economico ora il governo Draghi utilizza la medesima strategia comunicativa attraverso l’idea di reintrodurre la maturità nella sua forma originale pre-covid per ovviare al proprio sostanziale fallimento.

    Anche se il tutto può sicuramente venire inteso come un banale tentativo di fornire un quadro positivo al prossimo futuro italiano emerge evidente come invece rappresenti solo l’ennesima operazione di mistificazione della realtà finalizzata a coprire la propria manifesta incapacità governativa.

    Perlomeno l’azione di Mao Tse Tung trovava la propria ispirazione da una discutibile ideologia politica, oggi nel caso del governo dei “migliori” l’unica ispirazione nasce da un maldestro e per niente ideologico desiderio di autoassoluzione.

  • Eco-logia

    Il 10 giugno del 2015 il professor Umberto Eco venne insignito della laurea honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei Media” dall’Università di Torino. Al termine della cerimonia si trattenne con la stampa. In quell’occasione rilasciò una dichiarazione che ha fatto storia ed è, per la sua attualità, ancora degna di essere oggetto di riflessione. “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel”. E aggiunse che mentre “La tv aveva promosso lo scemo del villaggio rispetto al quale lo spettatore si sentiva superiore. Il dramma di Internet è che ha promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità”.

    Il filosofo non si limitò a sollevare il problema con questo lapidario quanto stimolante giudizio, ma indicò anche una possibile soluzione invitando la stampa a dedicare ogni giorno almeno due pagine di analisi critica (svolta da veri specialisti in ogni settore) sulle informazioni pubblicate in rete (“perché nessuno è in grado di capire oggi se un sito sia attendibile o meno”) e invitando le scuole ad insegnare ai ragazzi ad utilizzare la rete per le loro ricerche e i loro temi (“saper copiare è una virtù ma bisogna paragonare le informazioni per capire se sono attendibili o meno”).

    Queste dichiarazioni che, al di là di tutti gli attacchi che ha ricevuto (persino sul piano personale) arrivati soprattutto da quelle legioni di imbecilli (di ogni estrazione sociale) di cui parlava, erano rivolte agli uomini di buona volontà ed avevano tutto il sapore delle parole di un saggio nonno per proteggere, dall’alto della sua esperienza, i più giovani e i più fragili. Ed è proprio per questa sua capacità di essere distaccato e critico verso il suo oggetto di studio, ovvero la comunicazione e la cultura dei media, che è stato meritoriamente premiato. Quando lessi sul giornale di queste sue dichiarazioni mi ricordai di quando ebbi la fortuna di ascoltarlo qualche tempo prima. La sera del 23 luglio 2012, infatti, ebbi modo di assistere ad una sua “lectio magistralis” intitolata “memoria e dimenticanza” presso il Salone Metaurense della Prefettura di Pesaro, in qualità di ospite del Comune di Pesaro.

    In quella occasione il professor Eco iniziò il suo discorso, spiazzando la platea, con una sua profonda autocritica. Ci confessò, infatti, di essersi pentito per essere stato tra i primi e tra i più accorati sostenitori di internet per la sua rapidità e semplicità nel fare accedere ad informazioni un tempo di difficile fruibilità (ad esempio quelli custodite nelle biblioteche di tutto il mondo) ai ricercatori e agli studenti di ogni ordine e grado. Tuttavia, oltre a questo indubbio vantaggio, nel tempo sono emerse una lunga serie di insidie e problematiche. “Un tempo” queste le sue parole “l’ignorante era la persona a cui mancava l’accesso alla cultura, oggi lo è chi è incapace di selezionare tra la miriade di informazioni a disposizione, perché la cultura è il risultato del loro filtraggio”. A riprova di ciò, ci raccontò che in qualità di uno dei maggiori esperti al mondo sul tema del Sacro Graal, volle provare a digitare queste due parole su internet per vedere cosa venisse proposto a chiunque volesse avere informazioni su questo tema. Risultato, solo alla settantesima pagina proposta dal motore di ricerca (dopo “puro ciarpame”), trovò un sito dove venivano riportate alcune informazioni corrette sull’argomento. Pertanto concluse domandandosi che “se una persona non sa nulla di un argomento, come fa a sapere se le informazioni che la rete gli propone sono corrette o meno?”. Per questo motivo ci disse che era (e lo è ancora!) urgente educare i giovani all’utilizzo di questo strumento perché “nell’impossibilità di avere un ente che monitorizzi tutti i siti ed i loro contenuti, un ruolo importante può svolgerlo la scuola, educando al senso critico, ad una valutazione scettica del web, stimolando il confronto tra vari siti, in modo che a poco a poco si distinguano le idee comuni da quelle originali e quelle originali da quelle deliranti”. Altro strumento importante è stato indicato nella lettura, “che offre la possibilità di sommare ai ricordi personali quelli collettivi e di arricchire la propria esistenza, prolungando la vita. Come lettore, ho avuto una vita così lunga che dovrei ricordarla a rate”.

    Citazioni (e ricordi) che ho voluto riportare (e far ricordare) perché davvero mi sembrano più attuali che mai.

    Quale uso viene fatto oggi della rete? Di quali temi si parla di più sui social?

    Nel 2021 l’argomento più digitato al mondo sui motori di ricerca è stato la partita di cricket fra India e Inghilterra. E in Italia? L’argomento più cercato è stato la “Seria A”, il personaggio più cercato è stato un calciatore e la domanda più frequente è stata “perché non funziona whatsapp?” (Fonte: Google Trends)

    E quante ore passiamo davanti alla tv, al cellulare e al computer in un anno?

    Circa 125 giorni di fila! Ovvero, circa 3000 ore nel 2021 (Fonte: La Repubblica)

    Insomma, considerato che stiamo distruggendo il pianeta e che stiamo mettendo a rischio di estinzione tutti gli esseri viventi ci si aspetterebbe che nel mondo stessimo parlando di ben altre cose e che spendessimo il nostro tempo facendo ben altro, ma non è così.

    Insomma, non siamo messi bene ma anche di questo gli scienziati (quelli non prezzolati) ci avvisano da molti anni: il nostro cervello si sta atrofizzando. Sia per carenza di ossigeno e di una corretta alimentazione, sia per scarso movimento fisico e per le molte ore trascorse davanti a tv, tablet e celluari.

    La situazione non è delle più semplici.

    Peggiorando esponenzialmente la qualità ambientale peggiorano di conseguenza anche le nostre capacità intellettive e fisiche e, di conseguenza diminuiscono le nostre possibilità di concentrarci sui fermi restando (dove viviamo, grazie a cosa viviamo, con chi viviamo, etc.) e le nostre possibilità di saper distinguere tra salubre e tossico, tra sopravvivere e soccombere, tra necessario e inutile, tra urgente e rinviabile, tra amore e odio, etc. etc. etc.

    Ritornando sull’argomento, il problema non è di internet come ha ben sottolineato il prof. Eco, come non è del coltello se parliamo di un delitto, ma piuttosto di chi lo usa, come lo usa e a che scopo.

    Censurare internet o togliere tutti i coltelli dalle nostre tavole non risolverebbe il problema. Lo può contenere, certamente, ma se una persona è spinta da certi impulsi, (ripeto, perché non è in condizione: meno ossigeno, più sostanze tossiche nel sangue, più modelli e contenuti educativi sbagliati, etc. etc.) e più troverà comunque il modo per soddisfarli. Siamo animali. Se abbiamo un bisogno impulsivo o una dipendenza di qualsiasi tipo, non ci fermiamo finché non la soddisfiamo. Pensate al “darkweb”, il lato oscuro di internet (accessibile solo illegalmente) dove si vendono bambini, organi di bambini, donne, bombe, armi, anagrafiche, carte di credito, droghe, etc. o ai femminicidi commessi con qualsiasi oggetto contundente trovato in casa.

    Vietiamo internet? Costringiamo le persone a vivere nelle capanne? Capiamoci. Non basterebbe nemmeno questo.

    La causa delle cause è un ambiente fortemente inquinato, impoverito, carente.

    Se l’ambiente è sano, siamo sani. Se l’ambiente è tossico, ne siamo intossicati.

    A questo segue, per importanza, il contesto sociale in cui viviamo. Se è armonioso, cresciamo armoniosi. Se è violento, cresciamo violenti.

    Ergo, la madre di tutte le battaglie, di tutti i nostri sforzi, di tutti i nostri pensieri e gesti deve essere, prima di tutto, quella della tutela dell’ambiente. Ogni futura legge, ogni futura decisione, che sia governativa o domestica, deve tenere conto di questo.

    È un percorso difficile. Possiamo farlo solo insieme agli altri. Da soli è durissima perché dobbiamo cambiare troppe cose del nostro stile di vita per essere completamente autonomi e ognuno di noi non ha né la forza necessaria e né tutte le informazioni per farlo. Covid o non covid dobbiamo rinforzare gli anticorpi delle comunità (siano esse fisiche o virtuali) per condividere questo percorso di cambiamento.

    Del resto, con quel poco di intelligenza che ci rimane, tutti vediamo che le cose non stanno andando bene. E dare la nostra vita (il nostro corpo, la nostra mente e il nostro spirito), per un modello di società che la mortifica non è già di per sé sintomo che non stiamo bene? (fisicamente, mentalmente e spiritualmente)?.

    Ci stiamo trasformando solo in cinici, avidi e compulsivi consumatori di cibo, sesso, territorio e possesso. E, per riprendere le parole del grande Eco, in legioni di imbecilli.

    È tempo di fare, ora!

    Più che di postare e di continuare a posticipare.

  • Paesi africani in ritardo negli obiettivi educativi

    Il mondo non raggiungerà l’obiettivo di un’istruzione di qualità per tutti entro il 2030 e l’Africa subsahariana sarà l’area con i risultati peggiori, stando ad un nuovo studio dell’organizzazione per l’istruzione delle Nazioni Unite. Nella regione, infatti, milioni di bambini continueranno a non frequentare la scuola e a non usufruire di un apprendimento di alta qualità. Si prevede che nell’Africa subsahariana l’8% dei bambini in età scolare non andrà a scuola entro la scadenza del 2030. Un dato pesante anche se si tratta di un miglioramento rispetto all’attuale 19%.

    Sembra, inoltre, che la qualità formativa degli insegnanti sia lontana dagli standard necessari per garantire una buona preparazione agli alunni, dato questo che dovrebbe suonare come campanello d’allarme per i leader africani. Dal rapporto emerge infatti che, nonostante gli sforzi, oltre un quarto degli insegnanti della scuola materna dell’area subsahariana rimarrà senza formazione.

    Tuttavia si prevede che la percentuale di insegnanti formati a livello globale aumenterà tra il 2015 e il 2030 a oltre il 90% a ciascun livello di istruzione. La crescita più rapida è prevista a livello di istruzione pre primaria, dal 70% al 94%.

Back to top button