Attualità

Il potente esercito russo che ancora non si vede nell’attacco all’Ucraina

Qual è la strategia di Guerra di Putin? E’ acclarato che l’esercito russo sia uno dei più forniti e potenti al mondo ma nell’attacco all’Ucraina Mosca non sta usando armi di ultimissima generazione, di cui è dotata avendo investito molti milioni di euro per l’acquisto e la produzione, manda al fronte giovani soldati e non adopera l’aviazione. Da più parti ci si chiede quali siano le vere intenzioni di Putin.

Secondo il Global Firepower, l’indice che stabilisce la forza militare dei Paesi del mondo, come riporta Wall Street Italia, la Russia può vantare un esercito addestrato alla guerra sotto ogni aspetto. Negli ultimi venti anni, ha investito enormi risorse economiche: 154 miliardi di dollari all’anno per la Difesa, creando un esercito moderno e tecnologico.

Inoltre l’ex Ministro della Difesa, Anatoly Serdyukov, nel 2008 e l’attuale Ministro, Sergey Shoigu, hanno portato avanti un vero a proprio restyling dell’esercito russo che oggi consta di 4 distretti militari:

Occidentale: con quartier generale a San Pietroburgo con 34.000 soldati e circa 300 carri armati; Meridionale: con quartier generale a Rostov con 100.000 soldati e circa 2.800 tra carri armati e mezzi blindati;

Centrale: con quartier generale ad Ekaterinburg con 30.000 soldati e circa 1.200 tra carri armati e mezzi blindati;

Orientale: con quartier generale a Chabarovsk con oltre 4.500 carri armati.

In totale, le armate sono 11 e i soldati sono complessivamente 280mila. A questi si aggiungono:

17mila uomini degli Spetsnaz divisi in 7 brigate indipendenti;
45mila truppe aviotrasportate divise a loro volta in due da assalto aereo e quattro brigate con un reggimento per la ricognizione.

Senza dimenticare gli attacchi informatici mirati e una potentissima macchina per la propaganda al servizio del regime.

In caso di guerra, la Russia può fare affidamento su un armamentario di ultimissima generazione. Oltre alle forze di terra pari a 1.350.000 uomini dispone di:

4.173 forze aerospaziali;
320 missili e 1.181 testate strategiche;
605 forze navali;

12.420 carri armati.

I carri armati russi, i T-90 (non adoperati nell’attacco all’Ucraina), sono considerati i mezzi blindati più potenti e forti al mondo. E non sono da meno i mille nuovi aerei in dotazione, i SU-35S mandati in parte in Bielorussia per le esercitazioni militari congiunte.

Ad oggi, il 92% dei piloti e il 62% dei militari della Marina ha precedenti esperienze in teatri di guerra.

Sul fronte servizi segreti, oltre al noto KGB (protagonista anche in tante pellicole cinematografiche), la Russia si avvale anche delle operazioni 4 agenzie di sicurezza/spionaggio:

GRU (traducibile in italiano con Direttorato principale per l’informazione) che si occupa anche di spionaggio estero; FSB (Servizio Federale di Sicurezza) che garantisce la sicurezza della Russia con attività di spionaggio, controspionaggio e antiterrorismo e sicurezza interna e si compone di circa 260-270.00 uomini; SVR (Spionaggio Estero Civile). I suoi uomini all’estero risiedono principalmente in ambasciate e consolati, e spesso hanno lo status di personale diplomatico; FSO (Servizio di Protezione Federale). Si occupa della sicurezza presidenziale, di alte personalità e luoghi sensibili, si compone di circa 50.000 elementi. Non si conosce il numero delle persone impiegate.

La FAPSI (Agenzia Federale per le Comunicazioni e le Informazioni di Governo) invece si occupa di sicurezza e della crittografia delle comunicazioni istituzionali di “alto livello”, oltre alle intercettazioni e all’analisi dei segnali, sia tra le persone (radio) che tra le macchine (computer).

Il PowerIndex della Russia, determinato dal numero del personale militare rapportato alla popolazione, è formato da:

142.122.776 popolazione totale;

3.586.128 numero complessivo personale militare in servizio;

4.078 aerei totali;

1.485 aerei da combattimento;

21.932 carri armati;
352 navi tra cui una portaerei;
44 miliardi di dollari per la Difesa.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Back to top button