AttualitàIn Evidenza

Parlare fuori dagli schemi predisposti

Mentre gran parte del mondo va in fiamme, dagli incendi alle guerre, dagli attentati alle loro conseguenze immediate e aspettate nel tempo, mentre ogni giorno vi sono nuove vittime della strada, dell’ignoranza, della povertà, sembra che gran parte di coloro preposti a rappresentare le istituzioni abbiano, come sempre, più a cuore le loro prossime campagne elettorali, dagli Stati Uniti all’Italia, che l’interesse del loro Paese e della comunità internazionale. La vita non vale più nulla, basta un messaggio e la morte arriva, basta un necrologio per dimenticare subito quanto si dovrebbe e potrebbe fare per cambiare la situazione. Nel frattempo attendiamo nuove vittime dall’incuria del territorio visto che, per fare un esempio sul dissesto e l’illegalità che vige in Italia, da Pozzuoli ai Campi Flegrei, lo stato di allerta è passato da verde a giallo in pochi anni. Un milione di persone vivono a rischio in queste aree, un altro numero considerevole in Liguria mentre i terremotati rimangono ancora senza casa.

Perciò cari lettori oggi non scriverò nulla, non commenterò stragi né le azioni che dall’Iraq all’Iran, dalla Libia alla Siria, passando per tutte le altre zone di guerra della Somalia, dell’Afganistan etc. stanno continuamente uccidendo persone e togliendoci quella libertà e sicurezza che ingenuamente credevamo di avere raggiunto mentre alle vittime insanguinate si aggiungono i delitti economici che da anni ed anni restano impuniti. Non parlerò di nulla perché questa volta vorrei che foste voi a parlare, a parlare veramente, fuori dagli schemi predisposti dai giornali o dai dirigenti di partito, a parlare, dopo aver pensato, valutato, ragionato, a parlare perché bisogna togliere, a chi vuole decidere per noi, la sensazione, la certezza che tanto non parleremo mai.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker