In EvidenzaInternational

Un regime totalitario corrotto e malavitoso

Lo Stato totalitario è il risultato inevitabile della lenta disgregazione

del concetto di giustizia nel mondo occidentale.

Emil Brunner

Un regime totalitario, in base a delle realtà storiche, soprattutto del secolo passato, si definisce generalmente come una forma di’organizzazione e funzionamento dello Stato caratterizzata da una totale concentrazione e controllo del potere da parte un partito, un gruppo ristretto di persone o da una sola persona. Un regime totalitario, sempre facendo riferimento alle note realtà storiche, analizzate, studiate e riferite dagli specialisti, si distingue dalle altre forme di organizzazione e di funzionamento dello Stato anche dalla continua messa in atto del controllo di tutto e tutti, negando e annientando i diritti e le libertà innate e quelle acquisite dell’essere umano. Si tratta di una definizione che non cambia, in principio, dalla definizione che gli studiosi danno alla dittatura. In entrambi i casi il potere si concentra e viene esercitato da una sola persona, il dittatore, l’autocrate, o da un ristretto gruppo di persone molto fedeli a lui. La storia, sia quella del secolo passato che di quello attuale, ci insegna però che alcuni regimi totalitari/dittature sono stati inizialmente costituiti in seguito a processi elettorali, che generalmente vengono considerati come processi che caratterizzano lo Stato democratico. Ma, dopo essere stati costituiti, i regimi totalitari/le dittature permettono ed organizzano solo dei “processi elettorali” di facciata, per dare una parvenza di normalità, lì dove la normalità non esiste, anzi! Si tratta perciò proprio di una ben ideata, organizzata ed attuata strategia di camuffamento della vera, vissuta e sofferta realtà che caratterizza i regimi totalitari/le dittature. Una strategia che usa come facciata anche l’esistenza di una Costituzione che consapevolmente però non viene mai rispettata. Oppure viene rispettata soltanto quando “giustifica” le decisioni prese dal regime totalitario/dittatura. La stessa strategia che prevede e usa come camuffamento anche l’esistenza formale dei tre poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario, senza però permettere la loro separazione e l’indipendenza reciproca. Poteri quelli previsti e funzionanti già nell’antichità, ma anche nel medioevo, adattandosi sempre alle specifiche condizioni storiche e sociali del periodo. La teoria della separazione dei poteri, così come viene applicata attualmente in tutti gli Stati realmente democratici, è stata analizzata, studiata, elaborata e proclamata da Montesquieu nel suo ben noto libro Spirito delle leggi (De l’esprit des lois; n.d.a.), pubblicato nel 1748. L’autore di questo libro era convinto che “Chiunque abbia potere è portato ad abusarne; egli arriva sin dove non trova limiti […]. Perché non si possa abusare del potere occorre che […] il potere arresti il potere”. Perciò Montesquieu ribadiva che era indispensabile sia l’esistenza che la separazione dei tre poteri: il legislativo, l’esecutivo e quello giudiziario. E spiegava anche il perché. Secondo lui “In base al primo di questi poteri, il principe o il magistrato fa delle leggi, per sempre o per qualche tempo, e corregge o abroga quelle esistenti. In base al secondo, fa la pace o la guerra, invia o riceve delle ambascerie, stabilisce la sicurezza, previene le invasioni. In base al terzo, punisce i delitti o giudica le liti dei privati”. Montesquieu era convinto che “una sovranità indivisibile e illimitata è sempre tirannica”. L’autore di queste righe, informando il nostro lettore soprattutto della vera, vissuta e sofferta realtà albanese in questi ultimi anni, ha trattato spesso anche il pensiero di Montesquieu sulla separazione dei poteri.

Quanto è accaduto e sta tuttora accadendo in Albania, anche in questi ultimissimi giorni, dati e fatti alla mano, dimostra e testimonia purtroppo che da alcuni anni, dopo il crollo, nel 1991, della spietata dittatura comunista, è stato restaurato e si sta continuamente consolidando un nuovo regime totalitario. Un regime che l’autore di queste righe considera come una nuova dittatura sui generis, camuffata da una parvenza di democrazia, classificata come “fragile” dalle istituzioni internazionali specializzate. Una nuova dittatura che fino a pochi mesi fa “beneficiava” anche di un’opposizione che serviva da “stampella” al primo ministro. Un regime totalitario questo che si sta consolidando in Albania, rappresentato, almeno istituzionalmente, proprio dal primo ministro, ma che in realtà si presenta e realmente è una pericolosa alleanza tra il potere politico, la criminalità organizzata e certi raggruppamenti occulti locali e/o internazionali.

Coloro che non conoscono bene la realtà albanese, giustamente e in un modo del tutto naturale, potrebbero fare la domanda: perché si tratta di un regime totalitario? La risposta è semplice. Perché in Albania ormai, dal 2013, il potere è stato sempre più concentrato e viene controllato ogni giorno che passa, da una sola persona, il primo ministro e/o da un gruppo ristretto di persone, che formalmente rappresentano anche un partito politico. Ma che più di un partito, è realmente un raggruppamento di persone unite non da un credo ed una ideologia politica, bensì degli interessi occulti. L’Albania ha, sì, anche una sua Costituzione, ma, fatti accaduti, documentati, pubblicamente noti ed ufficialmente denunciati alla mano, per il primo ministro la Costituzione è solo un documento che lui ignora quando gli interessa e fa riferimento solo per demagogia ed a scopi di propaganda. Non solo, ma proprio come diretta conseguenza del modo in cui il primo ministro ed i suoi “consiglieri speciali”, soprattutto quelli incaricati dalla “Società aperta” d’oltreoceano, hanno ideato, programmato ed attuato, da una decina di anni, la riforma del sistema della giustizia, in Albania non ha volutamente funzionato per alcuni anni neanche la Corte Costituzionale. Il nostro lettore è stato informato spesso di questo “dettaglio”, le cui conseguenze sono state e risultano tuttora essere, dati e fatti alla mano, preoccupanti e dannose. Così come il nostro lettore è stato informato continuamente e con la necessaria e dovuta oggettività anche del controllo personale del primo ministro e/o di chi per lui delle nuove istituzioni del sistema “riformato” della giustizia. In seguito il nostro lettore avrà modo di conoscere altri fatti che confermano “l’ubbidienza” di quelle istituzioni agli ordini e alla volontà personale del primo ministro. E siccome lui controlla anche la maggioranza necessaria del Parlamento, perciò controlla anche il legislativo, allora il primo ministro controlla tutti e tre i poteri previsti e descritti da Montesquieu. Poteri che purtroppo, invece di essere separati ed indipendenti, in Albania sono controllati ed ubbidiscono ad una sola persona: al primo ministro. Lui personalmente e/o tramite chi per lui, controlla anche la maggior parte dei media, soprattutto quelli a diffusione nazionale, grazie a dei “rapporti clientelistici preferenziali” con i loro proprietari. Un quarto potere, quello dei media, che non esisteva quando visse Montesquieu. Ed in più, come il nostro lettore è stato informato, dal 24 luglio scorso, tutto fa pensare che il primo ministro controlli alla fine anche l’istituzione della Presidenza della Repubblica. Raggiungendo così un ambito obiettivo posto da lui da alcuni anni. Allora se non è questo, restaurato da alcuni anni in Albania, un regime totalitario, una dittatura camuffata, come si potrebbe definire?! La risposta l’ha data Montesquieu già nel 1748, nel suo libro Spirito delle leggi, affermando convinto che “una sovranità indivisibile e illimitata è sempre tirannica”. E si sa, come la storia ci insegna, che la tirannia, il regime totalitario e la dittatura, in pratica, sono la stessa cosa.

Coloro che non conoscono bene la realtà albanese, giustamente e in un modo del tutto naturale, potrebbero fare la domanda: perché si tratta di un regime totalitario che è anche corrotto? Ci sono innumerevoli dati e fatti accaduti quasi quotidianamente negli ultimi anni, almeno quegli pubblicamente noti ed istituzionalmente denunciati, che confermano la corruzione ben radicata in Albania. Sarebbero bastati anche una minima, ma veramente minima parte di quei dati e fatti per far cadere il governo. Si, ma in un Paese democratico però, non in Albania. Per rispondere alla domanda e confermare la corruzione diffusa in tutti i livelli istituzionali, l’autore di queste righe si riferisce allo scandalo degli inceneritori. Si tratta di uno scandalo, e di alcune persone molto altolocate coinvolte, del quale in nostro lettore è stato informato in questi ultimi mesi e anche tre settimane fa (Misere bugie ed ingannevoli messinscene che accusano, 4 aprile 2022; A ciascuno secondo le proprie responsabilità, 26 aprile 2022; Diaboliche alleanze tra simili corrotti, 9 maggio 2022; Da quale pulpito arrivano quelle minacciose prediche, 16 maggio 2022; Corruzione scandalosa e clamoroso abuso di potere, 19 luglio 2022). Un clamoroso scandalo quello dei tre inceneritori che rappresenta un’inconfutabile dimostrazione e testimonianza della galoppante, radicale e gerarchicamente diffusa corruzione in Albania. Ma, allo stesso tempo, rappresenta anche una significativa dimostrazione e testimonianza del controllo, da parte del primo ministro e/o da chi per lui, del sistema “riformato” della giustizia e delle sue “efficienti istituzioni”. Si tratta di uno scandalo nel quale, dati e fatti che ogni giorno diventano sempre più numerosi ed inconfutabili, dati e fatti pubblicamente noti ed ufficialmente denunciati alla mano, risulterebbero essere coinvolti lo stesso primo ministro, alcuni attuali ministri ed ex ministri, il segretario generale del Consiglio dei ministri, il sindaco della capitale ed altri alti funzionari delle istituzioni governative e delle amministrazioni locali. Si tratta di uno scandalo che dimostra come si possono ingoiare centinaia di milioni di euro per degli inceneritori inesistenti, non funzionanti, ma che si pagano con i soldi pubblici come se fossero operativi. Si tratta di uno scandalo che, oltre a centinaia di milioni di euro dei soldi degli albanesi, sta inghiottendo anche finanziamenti dell’Unione europea. Ma si tratta però anche di un clamoroso scandalo che, nonostante le denunce depositate presso la Struttura speciale contro la Corruzione e la Criminalità organizzata, una nuova istituzione del sistema “riformato” della giustizia, una procura speciale, non vi è stata nessuna reazione da parte di questa Struttura speciale. Chissà perché?! In realtà si sa perché. E lo sanno in tanti ormai in Albania. Gli unici che “non sanno, non vedono, non sentono e non capiscono niente” sono i soliti “rappresentanti internazionali” in Albania. Proprio quelli che da anni “applaudono i risultati straordinari” della riforma del sistema di giustizia in Albania, grazie anche allo “straordinario, valoroso e dedicato lavoro” delle nuove istituzioni del sistema. La Struttura speciale contro la Corruzione e la Criminalità organizzata compresa!

Coloro che non conoscono bene la realtà albanese, giustamente e in un modo del tutto naturale, potrebbero fare la domanda: perché si tratta di un regime totalitario corrotto e anche malavitoso? La riposte è semplice. Basta fare riferimento ai rapporti ufficiali, degli ultimi anni, delle istituzioni specializzate internazionali che trattano la criminalità organizzata in Albania. Oppure basta fare riferimento a delle inchieste svolte da alcune procure in Italia, ormai rese pubbliche. Risulterebbe che la particolarità del regime dittatoriale albanese è che si presenta come un’alleanza tra il potere politico, la criminalità organizzata e certi raggruppamenti occulti. Più chiaro di così!

Chi scrive queste righe potrebbe riempire molte altre pagine su questo argomento, ma per questa volta si fermerà qui. Però, oltre alle responsabilità dirette del primo ministro e dei suoi “fedelissimi” sulla grave situazione in Albania, una grande responsabilità la hanno anche i soliti “rappresentanti internazionali”. Ma anche alcuni “grandi del mondo” che per delle “ragioni geopolitiche” chiudono un occhio e permettono il consolidamento di un regime totalitario corrotto e malavitoso in Albania. Chi scrive queste righe condivide la convinzione di Emil Brunner che lo Stato totalitario è il risultato inevitabile della lenta disgregazione del concetto di giustizia nel mondo occidentale. Egli, riferendosi all’indifferenza di alcuni “grandi del mondo”, perifrasa quanto scriveva A.J. Cronin in un suo noto romanzo. E cioè che le stelle, lontane e fredde stanno a guardare…

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button