Lettere

La risposta alla noiosa polemica sulla Piazza Carlo Borsani

Riceviamo e pubblichiamo

Caro Direttore,
a Legnano, il comitato antifascista vive solo all’avvicinarsi del 25 aprile creando la stantia polemica della “strada” Borsani, invocando la loro appartenenza alla “democrazia” fondata sulla pace, sull’uguaglianza e sulla libertà. Nati e cresciuti ciucciando dalla mammella del comunismo leninista e stalinista, nonostante l’aver cambiato più volte il nome del loro P.C.I. fino all’attuale P.D., non sono cambiati nel loro modo di fare una politica fondata sulla menzogna e sull’ipocrisia.
Scrivono che stiamo vivendo i momenti più duri della Storia d’Europa e del Mondo intero, dove un guerra sta mettendo a dura prova la sopravvivenza dei popoli e che come sempre è e sarà pagata dai poveri e dalla popolazione civile, da donne e bambini innocenti! Ed allora in coerenza con la loro storia politica da Stalin ai giorni nostri e della loro interpretazione di Democrazia fondata, a sentir loro, su pace, uguaglianza e libertà, sono io che suggerisco loro, in nome del democratico comunismo che tanto vogliono difendere, di erigere nella “strada” Carlo Borsani, un monumento al primo vero democratico Tiranno d’Europa: Vladimir Putin.

Carlo Borsani Jr.

Mostra altro

La redazione

Essere sempre sul pezzo è una necessità fondamentale per chi fa informazione sul web nel terzo millennio. Noi del Patto Sociale abbiamo tentato di fare di questa necessità una virtù, lanciando un progetto ambizioso per una realtà in continua crescita come la nostra.

Articoli Correlati

Vedi anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio