In attesa di GiustiziaRubriche

In attesa di Giustizia: salvis iuribus

Salvis iuribus è una locuzione latina utilizzata in giurisprudenza – generalmente apposta in calce a lettere o atti – che sta a significare: fatti salvi i diritti.

In pratica è una formula che serve ad indicare l’intenzione di chi scrive di avvalersi di tutti i mezzi consentiti e previsti dalla legge per tutelare i propri diritti: secondo prassi viene annotata al termine degli atti introduttivi delle cause civili ma ciò non toglie che chi è sottoposto ad un processo penale abbia ampia facoltà di estendere le proprie ragioni (con testimonianze, consulenze, controinterrogatorio dei testimoni a carico, e la deposizione propria a discarico) la cui sintesi è affidata all’arringa dell’avvocato in cui consiste il culmine del processo, l’atto finale prima della decisione.

In sostanza, un processo non può e non deve essere deciso prima che l’intero insieme delle evidenze a discolpa sia illustrato dal difensore in una corretta dialettica con l’organo dell’accusa che conclude per primo.

Sembra, peraltro, che non sempre così vadano le cose: talvolta si scopre che vi sono addirittura sentenze scritte prima del giudizio, era già capitato a Brescia qualche tempo fa, è successo un paio di settimane fa e nuovamente a Venezia, in Corte d’Appello.

La sensazione, forse più di una sensazione, che simili accadimenti siano tutt’altro che isolati ed infrequenti c’è e c’è sempre stata basandosi su taluni indicatori: ma quando il sospetto diviene una certezza, lo sgomento non è minore. Sarà che la speranza è l’ultima a morire e nella Giustizia, intesa come categoria dello spirito comportante vincoli etici e indicazioni culturali inderogabili, si continua a credere. Magari a torto, da quel che si vede.

E’ necessario premettere e chiarire in Corte d’Appello – per legge – il processo inizia con la relazione fatta da uno dei tre magistrati il quale illustra cosa è accaduto nel precedente grado di giudizio, sintetizza la sentenza di primo grado e le ragioni di ricorso dell’appellante.

A Venezia, come anche altrove, è invalso l’uso di trasmettere, con posta elettronica qualche giorno prima dell’udienza, la relazione ai difensori ed al Sostituto Procuratore Generale assegnatario del fascicolo: un metodo più che accettabile che consente di dedicare più tempo a discussione e decisione ma…invece che la relazione è accaduto che agli avvocati sia stata spedita una bozza di motivazione di condanna, per di più frutto evidente di un “copia e incolla”. Altro che salvis iuribus: siamo di fronte al fenomeno delle condanne anticipate, alla ritenuta superfluità del processo. Il passo successivo ricalcherà – per chi la ricorda – la trama di Minority report?

Poco convincente la spiegazione data dai vertici degli Uffici Giudiziari della Laguna: si tratterebbe di un sistema invalso di bozze contenenti ipotesi di decisione redatte sulla base di uno schema fisso. Sarà, ma guarda caso sono sempre bozze di sentenze di condanna (fu così anche a Brescia, nel precedente analogo e noto) con buona pace della presunzione di innocenza.

Gli avvocati del Foro di Venezia sono insorti e hanno chiesto al Ministro l’invio degli ispettori: il seguito lo sapremo, forse, nelle prossime puntate.

Nel frattempo sta per iniziare anche il processo disciplinare a carico di Luca Palamara il quale – per una prima volta, seguirà poi il processo penale – sta verificando cosa significhi difendersi avendo gli strumenti per farlo e ha depositato una lista con circa 130 testimoni: nei processi, per vero, conta di più la qualità che non la quantità di chi depone e qui sembra che la prima, con moltissimi nomi di persone coinvolte nelle sue trame, scarseggi un po’. Ma la giustizia deve seguire il suo corso ordinario ed ordinato ed anche per l’ormai ex P.M. vi è da augurarsi che le regole siano rispettate e non che una decisione sia già scritta ed avvenga al grido di “muoia Sansone con tutti i fi…libustieri!”

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker