regole

  • “Attenti ai borseggi!”, il vademecum diffuso dai Carabinieri di Piacenza

    Contro la minaccia ‘borseggiatori, sempre più frequente, il Comando Provinciale Carabinieri di Piacenza ha pubblicato e diffuso il vademecum “Attenti ai borseggi!” in cui in pochi punti ma chiari sono elencati accorgimenti e consigli per non cadere in trappola.

    I borseggiatori, come tutti i malintenzionati, usano trucchi a passo con i tempi ma certi comportamenti non seguono le mode, ed ecco che il vademecum ci invita ad essere sempre ben attenti quando ci si trova in un luogo affollato o in caso di ressa per salire e scendere da mezzi pubblici poiché è più facile essere derubati approfittando della folla e della confusione. Attenzione a chi ci passa accanto strattonandoci e facendo cadere ciò che abbiamo in mano per poi offrirsi di aiutarci o a chi cerca di distrarci chiedendo informazioni che ci portano a dirigere la nostra attenzione in una direzione particolare.

    Non è mai troppo per invitare a non portare con se grosse somme di denaro contante preferendo utilizzare i servizi bancari e, quando si preleva, non far vedere quanti soldi sono stati ritirati, cercando di dividerli in più tasche. Opportuno sempre custodire denaro e documenti in modo separato ed evitare di tenere soldi o portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni.

  • Il gelato: il simbolo della libertà negata

    A Milano il Sindaco Sala sta approntando una nuova ordinanza che entrerà in vigore dal 17 maggio nella quale sarà vietata la vendita di gelati dopo la mezzanotte. Contemporaneamente alla scelta di non tagliare più l’erba nei parchi, in nome della tutela di una ipotetica biodiversità, ecco come Il gladiatore di Milano intende risolvere il problema dell’ordine pubblico nella città già da tempo al vertice nella classifica delle metropoli con il maggiore tasso di criminalità.

    Questo divieto riguarda le zone della movida: nelle quali “tutte le tipologie di esercizi pubblici, esercizi di vicinato, attività artigianali di asporto, attività commerciali e distributori automatici, il divieto della vendita e della somministrazione per asporto di alimenti e bevande di qualsiasi tipo, alcoliche ed analcoliche”.

    I gelati, come le bibite analcoliche, non alterano in nessun modo il comportamento di chi li assume e persino il codice della strada non impone un tasso massimo di zuccheri nel sangue. Mentre il discorso diventa differente per le bevande alcoliche, magari abbinate alla assunzione di sostanze stupefacenti.

    Vietare quindi la somministrazione del gelato come delle bottiglie di acqua minerale rappresenta l’ennesima conferma di un delirio etico narcisista, all’interno del quale chi ricopre incarichi pubblici si sente autorizzato ad influire e soprattutto modificare i comportamenti dei cittadini e dei consumatori.

    Viceversa, se venisse dirottata questa maniacale attenzione etica ai consumi ed ai comportamenti delle persone che affollano le zone della movida verso una parziale risoluzione dei problemi di ordine pubblico (per esempio alla Stazione Centrale) molto probabilmente la qualità della vita di Milano sarebbe sicuramente superiore ed un minimo senso di legalità ripristinato.

    Quando, avendo già vietato dalla mezzanotte la vendita degli alcolici, successivamente si intende colpire una tipologia di consumo che non determina nessuna problematica di ordine pubblico, come il gelato, allora questa ordinanza rappresenta la conferma di un delirio politico ideologico del quale il sindaco di Milano ne rappresenta la sintesi perfetta.

    Il gelato diventa così, suo malgrado, il simbolo di una libertà (di consumo come di impresa) la cui limitazione definisce una diminuzione del diritto del singolo cittadino, giustificata dal sostegno ad uno stato sempre più etico e da una ideologia massimalista tali da renderlo sempre più totalitario.

    Il gelato, invece, ora più che mai ha il gusto della libertà.

  • La Commissione accoglie con favore l’accordo provvisorio per modernizzare le ispezioni e la sorveglianza delle navi

    La Commissione accoglie con favore l’accordo politico raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio sull’aggiornamento degli obblighi per il controllo da parte dello Stato di approdo delle navi che fanno scalo nei porti dell’UE e sugli obblighi dello Stato di bandiera per le navi mercantili registrate negli Stati membri dell’Unione.

    Per quanto riguarda la direttiva sullo Stato di bandiera, i colegislatori hanno convenuto di integrare nel diritto dell’UE le norme pertinenti dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO) (l’International Instruments Code, o codice III). Ciò garantisce che tali norme possano essere applicate alle navi battenti bandiera di uno Stato membro dell’UE. Gli Stati membri dovranno inoltre effettuare ogni anno un numero concordato di ispezioni dello Stato di bandiera e provvedere alla digitalizzazione dei certificati statutari delle proprie navi, il che a sua volta faciliterà le ispezioni da parte dello Stato di approdo.

    L’accordo sul controllo da parte dello Stato di approdo allineerà il diritto dell’UE all’IMO e al Memorandum d’intesa di Parigi relativo al controllo delle navi da parte dello Stato d’approdo in merito agli obblighi relativi all’organizzazione e all’esecuzione dei controlli da parte dello Stato di approdo. Gli Stati membri hanno inoltre convenuto di istituire un regime volontario di controllo da parte dello Stato di approdo per i pescherecci più grandi e di aumentare l’importanza dei requisiti ambientali del controllo da parte dello Stato di approdo, adeguando il profilo di rischio della nave utilizzato per selezionare le navi da ispezionare. La direttiva riveduta prevede anche certificati navali elettronici, che consentiranno agli ispettori di prepararsi meglio prima delle ispezioni e di concentrarsi sulla conformità delle navi alle norme applicabili, piuttosto che su un riesame dei documenti una volta a bordo.

    I controlli da parte dello Stato di bandiera e da parte dello Stato di approdo sono strumenti importanti per un’ampia gamma di questioni relative al trasporto marittimo, quali la sicurezza marittima, la protezione dell’ambiente e le condizioni di lavoro a bordo.

    A seguito dell’accordo politico di ieri, ora i testi definitivi devono essere adottati formalmente. Una volta completato tale processo da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed entreranno in vigore dopo 20 giorni. Gli Stati membri disporranno di 30 mesi per recepire le direttive nel diritto nazionale.

  • Azioni concrete per una concreta educazione ai comportamenti ed alle regole

    Certi avvenimenti non dovrebbero accadere, le manganellate ai giovani studenti, le manifestazioni che sfociano in violenza, le richieste di pace che non tengono conto di chi è aggredito e di chi ha aggredito, i bambini ucraini oscurati dalle ingiuste morti di quelli palestinesi, le doppie verità, le pesanti aggressioni verbali, gli insulti personali in politica, il rogo dell’immagine del Presidente del Consiglio, l’indifferenza con la quale si commentano fatti dei quali non si comprende né la tragicità né le conseguenze sono avvenimenti che, in un Paese civile, non dovrebbero accadere.

    Ma accadono.

    Per questo ben venga ogni autorevole dichiarazione, come il Presidente della Repubblica ha fatto, mentre troppi altri hanno invece taciuto, ma è il momento di passare ad azioni concrete che portino, dalla scuola ai media, dalla politica alla così detta società civile, una concreta educazione ai comportamenti ed alle regole che, in democrazia, devono guidare la vita dei singoli come dei gruppi, delle collettività e dei rappresentanti delle istituzioni

    Ma ad oggi nulla di concreto all’orizzonte mentre la violenza, l’incomprensione, la doppia morale segnano ogni giorno di più la nostra vita.

  • Cambiare regole, leggi, controlli

    Bandiere a mezz’asta, lutto cittadino o nazionale, lacrime, cordoglio, dichiarazioni, promesse, sconcerto ma le morti di Firenze, e almeno una parte delle più delle mille morti di lavoratori avvenute del 2023, potevano essere evitate con leggi diverse, con controlli attenti, con procedimenti giudiziari celeri e pene esemplari per chi nel passato aveva causato lutti e tragedie.

    Ora si parla di rendere uguali le norme che già vigono nel pubblico anche per i cantieri privati, come se in un paese civile fosse  normale avere sistemi di controllo diversi tra cantiere pubblico e cantiere privato!

    Non crediamo che la normativa europea, alla quale il Ministro Salvini dice di essersi adeguato per il nuovo codice degli appalti, contempli che in un cantiere privato si possa anche morire mentre in quello pubblico il lavoratore ha le tutele necessarie.

    Non crediamo che la normativa europea tolleri l’utilizzo di materiali di scarsa qualità ed elevata pericolosità, l’utilizzo di persone non idonee, per esperienza e qualifica, al tipo di lavoro al quale sono chiamate, o che non sono in regola, ed una serie infinita di sub appalti per lo stesso lavoro.

    Non crediamo che la normativa europea tolleri la mancanza di controllo nei cantieri da parte di coloro che, in nome degli organi pubblici, sono preposti alla verifica del rispetto delle normative per la sicurezza, per la qualità del materiale utilizzato, per l’idoneità del personale.

    Le disgrazie possono qualche volta succedere per fatalità ma stiamo assistendo ad una vera mattanza per colpa  di incurie pubbliche e private e, aggiungiamo, fatte con il preciso intento di risparmiare e guadagnare di più.

    Governo e sindacato, e le opposizioni che hanno governato fino ad ieri, dopo le necessarie e consuete, quanto inutili, dichiarazioni pensino ora a come cambiare regole, leggi, controlli visto che fino ad ora non hanno funzionato.

    Al prossimo lutto, se ancora non avranno fatto niente, si astengano da lacrime di coccodrillo e sappiano che già da ora una parte di responsabilità è tutta loro.

  • La Commissione accoglie con favore l’accordo politico su contrassegno europeo di parcheggio e tessera europea di disabilità

    La Commissione europea accoglie con favore l’accordo politico raggiunto dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell’UE sulla direttiva che istituisce la tessera europea di disabilità e il contrassegno europeo di parcheggio per le persone con disabilità. La direttiva è stata proposta dalla Commissione nel settembre 2023.

    L’introduzione di una tessera europea di disabilità armonizzata e di un contrassegno europeo di parcheggio migliorato faciliterà il riconoscimento della condizione di disabilità e garantirà, in tutta l’UE, la parità di accesso a condizioni speciali e a un trattamento preferenziale durante soggiorni di breve durata in altri paesi dell’Unione. La mobilità delle persone con disabilità sarà così facilitata: che si visiti la Polonia con una tessera rilasciata in Spagna o si sia residenti in Polonia, la tessera garantirà l’accesso alle stesse condizioni.

  • Intelligenza Artificiale: regolamentare uno strumento che da utile può diventare causa della sconfitta finale dell’essere umano

    Mentre continua il dibattito sulle vere o presunte illegalità nel comportamenti di Chiara Ferragni e si dà vita a nuove disposizioni per l’attività degli influencer che impediscano, nel futuro, le distorsioni e gli abusi del passato, non ci sembra di ravvisare alcuna ipotesi di regolamentazione, a tutela dei consumatori, per gli influencer virtuali che stanno già spopolando sulla rete.

    Ormai gli avatar, copie virtuali di esseri umani, fenomeno molto diffuso, per ora, specialmente nei paesi asiatici, dove sono nati altri personaggi tipo i manga, ed in Cina, sono diventati influencer che danno suggerimenti, consigli per gli acquisti ma anche esempi di comportamenti di vita.

    Lo sciopero degli attori di Hollywood, contro l’uso dell’intelligenza artificiale che comincia a sostituirli nei film, è un segnale forte che in pochi sembrano aver compreso fino in fondo e cioè il pericolo, sempre più evidente, che l’intelligenza artificiale si sostituisca a quella umana sia nel dettare un nuovo pensiero unico sia nel sostituire le persone.

    Gli algoritmi studiano le caratteristiche dei comportamenti, i loro modi di porsi, quello che può piacere di più agli utenti e poi creano l’avatar che serve a raggiungere gli scoppi dei loro creatori o di chi li ha loro commissionati.

    I pericoli sono molteplici ed anche se lo studio del fenomeno ha una commissione internazionale e l’Europa, come la stessa Italia, stanno analizzando come procedere resta evidente che la ricerca di nuovi, e sempre più determinanti per la nostra vita, modi di utilizzo dell’intelligenza artificiale sono molto più veloci delle varie commissioni di studio.

    Il rischio è di arrivare troppo tardi a regolamentare correttamente uno strumento che da utile può diventare una delle ultime tappe per la sconfitta finale dell’essere umano.

    Sappiamo tutti che non essendo stati capaci, all’inizio, di dare regole alla rete poi è stato ed è impossibile correggere i guasti che produce ed impedire la diffusione di quanto è negativo e pericoloso sia per i singoli che per la sicurezza delle nazioni.

    La diffusione di notizie false, la creazione di avatar che replicano persone reali, le connessioni con il terrorismo internazionale, specie in un periodo nel quale troppe guerre si estendono, la constatazione di quanto l’umana empatia e la capacità di ragionamento e di distinguo tra il reale ed il virtuale, specie tra i più giovani, sia sempre più difficile impongono scelte rapide e regole comuni.

  • Educazione e nuove regole per tutti

    Secondo quanto riportato, più o meno quotidianamente, dai giornali che riprendono i dati ufficiali pubblicati dai vari enti preposti, un considerevole e sempre più preoccupante numero di incidenti d’auto è causato da abuso di alcool e sostante stupefacenti o comunque in grado di alterare la capacità del guidatore.

    In aumento esponenziale sono le violenze sulle donne e spesso la loro uccisione e i bambini sono sempre più a rischio, come dimostrano anche le cronache degli ultimi giorni.

    Sempre più comuni nelle scuole episodi di violenza e bullismo, non solo tra coetanei ma anche verso gli insegnanti e spesso da queste intimidazioni non si dissociano i genitori degli alunni.

    Troppi giochi sulla Rete hanno superato il livello di guardia con messaggi che invitano o al suicidio o alla violenza contro altri, ”giochi“ estremi con conseguenze tragiche mentre vere e proprie bande cittadine, composte da ragazzi sempre più giovani, non hanno nessuna remora a colpire di giorno come di notte.

    La capacità di usare la Rete da parte di bambini, fin dalla più tenera età, ormai consente loro di navigare senza controllo su qualunque sito, compresi  quelli pornografici più spinti, quelli che incitano alla violenza e la descrivono come un fatto normale.

    La totale ignoranza su come decodificare i messaggi ed essere in grado di utilizzare i sistemi informatici con responsabilità rende, sempre più, molte persone vittime di truffe e ricatti e causano un grave danno sociale.

    L’aumento di violenze verso gli animali, come dimostra l’uccisione a calci di una innocua capretta da parte di adolescenti, durante una festa di compleanno, o quello dell’orsa Amarena simbolo dell’Abruzzo denotano ulteriormente un’incapacità da parte di troppi di comprendere la gravità dei gesti che compiono, incapacità sempre più dovuta alla incapacità di comprendere la differenza tra reale e virtuale, l’ignoranza e l’indifferenza verso il dolore altrui.
    Abbiamo elencato, senza approfondire, solo alcuni dei tanti dati che ciascuno può leggere o vedere ogni giorno in televisione e che, a maggior ragione, dovrebbero essere all’attenzione di ogni forza  politica, amministrativa e delle associazioni  della cosiddetta società civile, anche perché, da tempo, scienziati e ricercatori hanno lanciato, seppur tardivamente, una serie di allarmi.

    Tutto resta però senza risposta sia nella scuola che nel quotidiano.

    La libertà, che gli stati democratici devono saper garantire e tutelare, è un bene prezioso ed irrinunciabile e proprio per questo va difesa attraverso regole comuni e condivise che sanciscano in modo chiaro che non vi è libertà ove vi è sopruso, menzogna, tentativo di prevaricazione di pochi contro l’intera collettività, in sintesi, per tornare alle origini, la libertà di ciascuno trova limite nel rispetto della libertà altrui e le istituzioni devono essere garanti.

    È perciò evidente che ciascuno può avere diritto, ad esempio, di ubriacarsi ma se le sue condizioni alterate procurano danno ad altri ne deve pagare le conseguenze così come dovrebbero pagare le conseguenze ed essere fermati prima coloro che incitano alla violenza, all’odio, all’autodistruzione, siano essi singoli, provider, opinionisti od altro.

    Ed è anche evidente che, in una società che è diventata più violenta, nella quale molti sfuggono alle regole ed alle leggi ed hanno una percezione esagerata della loro impunità, del loro diritto di appagare qualunque impulso, senza conoscere più né rispetto, né sentimenti ed empatia, ciascuno deve vigilare su stesso per non rendersi più fragile di fronte alla violenza.

    Non è questione di rinunciare al nostro diritto di vestirci come ci pare, di bere più del dovuto, di assumere sostanze che ci rendono non in grado di percepire il pericolo, la realtà, ma di sapere che quando il concetto di libertà è stravolto da una minoranza è necessario, in attesa di un futuro migliore, prevenire, autolimitarci, saper rinunciare a volte anche  a qualche piacere o  conoscenza occasionale.

    “Estote  parati”, una discoteca a notte fonda, un bicchiere di troppo, una pastiglia in più, un passaggio in macchina trovato per caso, qualcuno che propone incontri: chi  ha il coraggio di dire che ci sono situazioni a rischio e di spiegare come tentare di evitare questi  rischi! Scuola, genitori, istituzioni, media tutti dormono, tacciono.

    Oggi i partiti politici hanno scoperto l’estremo degrado di troppe realtà urbane di periferia, dei ghetti nei quali prosperano la delinquenza e la violenza, ma tutti i partiti politici hanno, a turno, governato in questi anni e nulla è stato denunciato, nulla è stato fatto, ci volevano questi ultimi stupri per capire il baratro sul quale siamo sospesi.

    Vogliamo credere che ora si farà qualcosa, speriamo che tutti collaborino in ogni città e luogo ma se, contestualmente, non si affronteranno i problemi di una diversa educazione scolastica, fin dalle primarie, di una diversa educazione nelle famiglie, di pene più certe e severe, di nuove regole anche per i siti pornografici e per l’orario di chiusura dei  locali notturni, insomma nuove regole di vivere civile, temiamo che ancora una volta dovremo registrare tragedie e violenze.

  • Regole

    Sul ring le regole sono precise: si è lì per dare e prendere cazzotti.
    Fanno male e, dunque, è bene stare in guardia e cercare di colpire quanto più duramente possibile. Questo è l’unico modo per finire il combattimento, se non vincendo quanto meno rimanendo dignitosamente in piedi.
    Immagino, ora, cosa succede ad un pugile che, già un po’ suonato, rivolgendosi al suo angolo, in cerca di aiuto, si sente dire: “Porgi l’altra guancia…porgi l’altra guancia”.
    Sta accasciato sul seggiolino, gonfio e a gambe aperte, in debito di ossigeno.
    I secondi si affannano a riparare i danni, compresi quelli all’una e all’altra guancia.
    A loro non resta che gettare la spugna e salvare il salvabile.
    È tecnicamente una sconfitta per abbandono.
    Il giudice ora alza il braccio del vincitore: è un russo che sa giocare sporco, un tre quarti muscoloso e ben allenato. Per i suoi tifosi è un Dio ma, come i suoi colleghi dell’Olimpo, non è perfetto ed ha un piccolo difetto: ama vincere facile, per abbandono, appunto.

  • Berlino valuta regole che limiteranno le navi ong

    Berlino potrebbe inasprire le regole sulla sicurezza delle navi private, ostacolando di conseguenza il salvataggio in mare dei migranti. È quello che emerge dalla bozza di un provvedimento legislativo del ministero dei Trasporti tedesco, in quota Fdp. Della misura ha dato notizia Monitor, trasmissione televisiva del canale ARD, che ha anticipato il servizio in una nota.

    Secondo una bozza del ministero guidato dal liberale Volker Wissing, le navi con “attività politiche e umanitarie o scopi idealistici comparabili” non dovrebbero più appartenere al settore del diporto. Ne deriverebbero così requisiti nuovi, con conseguenti alti costi per tecnologie e assicurazioni diverse. E una legge del genere colpirebbe innanzitutto le imbarcazioni più piccole, generalmente più veloci e in grado di raggiungere i luoghi dei naufragi. Anche alla luce della tragedia avvenuta al largo delle coste calabresi, la notizia ha già suscitato critiche e polemiche in Germania. Dove ieri la ministra dell’Interno socialdemocratica Nancy Faeser, commentando l’ennesimo naufragio nelle acque del Mediterraneo, ha ricordato il delicato equilibrio fra “responsabilità e solidarietà” nella gestione dei migranti in Europa.

    “Queste prescrizioni significano che alla nostra nave viene impedito di circolare. Per le persone che si trovano in emergenza in mare significa avere una nave in meno in grado di salvarle. E questo significa tanti, tanti morti”, ha commentato Axel Steier, di Mission Lifeline, intervistat da Monitor. Anche l’organizzazione Reqship teme di dover rinunciare del tutto alla sua attività: “Per quel che ci riguarda, noi corriamo molto seriamente il rischio di venire bloccati completamente dalle nuove norme di sicurezza”, ha affermato Stefen Seyfert.

    Monitor ricorda anche il tragico bollettino delle Nazioni Unite, secondo il quale l’anno scorso sono risultate morte o disperse almeno 2.406 persone nel Mediterraneo. La bozza di Wissing inoltre contraddice i piani della coalizione del semaforo di Olaf Scholz, secondo cui “il salvataggio civile in mare non deve essere impedito”. Un tentativo del genere era già stato fatto dal ministro della Csu Andreas Scheuer in passato, ma era fallito, dopo la pronuncia di un magistrato. L’Italia contesta da anni alla Germania l’attività delle ong battenti bandiera tedesca operative nel Mediterraneo.

Pulsante per tornare all'inizio