In EvidenzaPolitica

Anche Orlando usa a sproposito Twitter

Le nuove polemiche via Twitter tra il ministro Orlando e Francesco Ramella evidenziano una volta di più quanto questo strumento sia inidoneo ad accoglierei pensieri e considerazioni, giuste o sbagliate, di chi, più o meno degnamente, rappresenta la politica, l’informazione, la cultura. Il nostro augurio e la nostra speranza è che finalmente si comprenda che questo strumento è adatto a giovani cittadini e al massimo ai soliti influencer, giusto per parlare di shampoo e oggetti d’abbigliamento.

Affidare a Twitter pensieri, commenti o analisi, quando si ricoprono ruoli pubblici, è la dimostrazione di quanto poco pensino, prima di scrivere, coloro che dovrebbero essere di guida al Paese e di come sia facile esternare con parole prive di ragionamento. Chi lavora in certi settori delicati dovrebbe impiegare meglio il suo tempo invece di dar vita a nuove incomprensioni e polemiche. Saper usare gli strumenti che la modernità ci offre non dovrebbe esonerare dal capire quali strumenti siano adatti rispetto al ruolo che si ricopre ed alle conseguenze che scaturiscono da improvvide esternazioni. Ma purtroppo ormai tutti sembrano ragazzini senza controllo.

Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button